Il Wolfsburg da una bella lezione ai Blancos

Nelle due partite dei quarti di finale di Champions League bella lezione di umiltà da parte del Wolfsburg che da due belle sberle al Real Madrid ed invece nell’altra partita solita gara incolore di Ibra quando conta che sbaglia un rigore e altri 2 gol abbastanza facili ma il PSG riesce a chiudere  la partita sul 2-2, sfruttando gli errori difensivi del City ed un regalo dell’arbitro.

Wolfsburg – Real Madrid 2-0

al 18′ rigore trasformato da Rodriguez e al 25′ Arnold

Grande lezione di umiltà del Wolfsburg di Hecking ad un Real Madrid di Zidane,  troppo sicuro di chiudere la qualificazione sin dalla gara di andata, tatticamente perfetta per la squadra tedesca che gioca la partita più importante della sua storia infatti non aveva mai raggiunto i quarti di finale, che aspetta il Real per poi colpirlo in contropiede con la velocità di Draxel e Arnold e la grande pericolosità di Shurle e Bruno Henriquez (che arrivato nel mercato di Gennaio aveva giocato solo 101 minuti fino a ieri).

Dopo appena 69 secondi Benzema serve Ronaldo che segna ma è in evidente posizione di fuorigioco con l’arbitro Rocchi che giustamente annulla la rete, pochi minuti dopo un’altra buona occasione per Benzema ben neutralizzata da Benaglio, al 18′ il gol del Wolfsburg con Shurle che in azione di contropiede subisce un fallo da Casemiro con rigore trasformato da Rodriguez, i tedeschi sono galvanizzati e colpiscono ancora al 25′ con Draxel in contropiede che  serve alla perfezione Bruno Henriquez largo a destra che va sul fondo e crossa per il gol di Arnold, la partita continua seguendo lo  stesso copione con il Real che spinge ed il Wolfsburg che parte in contropiede e che sfiora il gol del 3-0 al 68′ con Shurrle.

Il Wolfsburg non vinceva in casa dalla partita di andata degli ottavi di finale con il Gent ed il Real Madrid non prendeva gol da 778 minuti, più imprevedibile di così non può essere il gioco del pallone adesso per il ritorno il Real Madrid e’ atteso ad un’impresa per passare il turno ma certo con tutti gli attaccanti fenomenali che ha non è certo impossibile, magari bisognerebbe spiegare a Zidane che esiste anche la fase difensiva nel calcio.

PSG – Machester City 2-2

Al 38′ De Bruyne (City), al 41′ Ibrahimovic (PSG), al 59′ Rabiot (PSG) e al 72′ Fernandinho (City)

Partita che fa capire come queste due squadre difficilmente vinceranno la coppa visto che la difesa e’ un optional per loro infatti da una parte il capellone David Luiz come al solito e’ troppo distratto in difesa e dall’altra parte Fernando la combina grossa e serve un assist per Ibra in disimpegno.

Partita che potrebbe iniziare  bene per il PSG ma  al 14′ Ibra sbaglia  un calcio di rigore,fischiato per fallo di Sagna su David Luiz, tirando malissimo per la parata di Hart,  nel primo tempo il PSG ha altre due ottime occasioni sempre con Ibra che come spesso gli capita sente troppo l’importanza della partita, al 38′ vantaggio del City con De Bruyne che ringrazia David Luiz per l’errore difensivo ed insacca il gol del vantaggio, ma pochi minuti dopo al 41′ orrore difensivo di Fernardo che in disimpegno difensivo serve un assist per Ibra che questa volta non sbaglia, nel secondo tempo il PSG sembra avere il controllo della partita ed in effetti va in vantaggio con Rabiot al 59′ corregge in rete dopo la bella parata di Hart su Cavani ma il gol sarebbe stato da annullare per evidente posizione di fuorigioco di Ibra, in vantaggio per 2-1 il PSG spinge molto e sfiora il gol con Cavani ma al 72′ erroraccio di Thiago Silva e Aurier sul cross di Sagna con Fernandinho che ringrazia per il regalo e segna il gol del 2-2.

Qualificazione apertissima vista le disattenzioni difensive congenite delle due squadre.

 

About the Author

Andrea Schiavina
Nato a Bologna il 19/06/1965 titolo di studio Geometra, sport praticati a livello agonistico Nuoto, Pallanuoto, Football americano e Tennis. Appassionato di sport in genere, sono osservatore di calcio professionista, collaboro con Radio Nettuno, Abito a grizzana Morandi in provincia di Bologna sposato

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter