VOTO E PAGELLE DELLA 36° GIORNATA

VOTO E PAGELLE DELLA 36° GIORNATA DI CAMPIONATO DI SERIE A

1 POSTO: all’Udinese, perde 5-1 in casa col Torino e la squadra di De Canio torna in bagarre per non retrocedere. Udinese troppo ballerina, Torino che invece anche con le seconde linee vince e convince. VOTO 1

2 POSTO: al Carpi, contro una Juventus già campione, il Carpi non riesce a fare neanche un punto, grazie all’ennesima papera del suo portiere. Ora la salvezza è dura. VOTO 2

3 POSTO: al Milan, grazie ad un’aiutino finale il Milan riesce a rimontare il Frosinone andato in vantaggio 2-0. Bellissima l’esultanza in faccia a Balotelli di Gori sul rigore sbagliato dall’attaccante del Milan. Frosinone ormai spacciato, ma che sul campo avrebbe meritato la permanenza in A. VOTO 3

4 POSTO: alla Fiorentina, pareggia in casa del Chievo 0-0 avendo la quasi matematica qualificazione all’Europa League. VOTO 4

5 POSTO: al pareggio tra Empoli e Bologna. Pareggio che va bene ad entrambe le squadre, di più al Bologna che raggiunge la matematica salvezza. Discutibile la decisione arbitrale di lasciare correre sul finale un fallo di Masina in area di rigore. VOTO 5

6 POSTO: al Sassuolo, vince col Verona col minimo sforzo e sorpassa il Milan in classifica per la qualificazione all’Europa. Complimenti alla squadra di Di Francesco autore di un campionato super. VOTO 6

7 POSTO: alla Lazio di Simone Inzaghi che batte l’Inter dell’amico Mancini 2-0. Inter impacciata e lenta, Lazio che corre ed attacca bene gli spazi. Lazio che è tornata in corsa per un posto in Europa. VOTO 7

8 POSTO: al Palermo, vince 2-0 grazie a Ranocchia e torna a sperare nella salvezza. Un super Vazquez e Gilardino regalano i 3 punti alla squadra di Ballardini. VOTO 8

9 POSTO: al Napoli, grazie al marziano Higuain vince 2-1 contro l’Atalanta dell’ex Reja. Napoli che mantiene il secondo posto in classifica e vede la qualificazione Champions sempre più vicina. VOTO 9

10 POSTO: a Totti e alla Roma. Vince in rimonta 3-2 la Roma tenendo viva la corsa al secondo posto grazie ad una punizione capolavoro del suo capitano quarantenne. Complimenti a questo grande campione che, forse, ad Euro2016 forse la sua porca figura la farebbe. VOTO 10

About the Author

Matteo Negri
Matteo Negri nato a Bologna il 17 novembre 1983. Grande appassionato di sport, ma non mi piace praticarlo. Conduttore radiofonico su radio Bologna uno di una trasmissione dal nome Football Drivetime e conduttore di una trasmissione sportiva su YouTube dal nome singolare!

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter