I viola lottano ma non basta. E’ tripudio Juve

I viola iniziano il percorso con i campioni in carica. La squadra di Allegri, forte dei nuovi innesti, vuole riaffermare la supremazia degli ultimi anni e dare segnali chiari ai diretti avversari.

Juventus – Fiorentina 2-1

MARCATORI: Khedira (J) al 37′ p.t.; Kalinic (F) al 25′, Higuain (J) al 30′ s.t.

FORMAZIONI

Juventus: Buffon (cap.), Barzagli, Bonucci, Chiellini, D. Alves, Lemina, Asamoah, Khedira, Alex Sandro, Mandzukic, Dybala.

Panchina: Neto, Audero, Benatia, Rugani, Pjanic, Higuain, Pjaca, Zaza, Hernanes, Lichtsteiner, Marrone, Evra

Fiorentina: Tatarusanu, Tomovic, Gonzalo(cap.), Astori, Alonso, Vecino, Badelj, Chiesa, Bernardeschi, Ilicic, Kalinic

Panchina:Lezzerini, Dragoswki, De Maio, Sanchez, Diks, Milic, Tello, Mati Fernandez, Babacar, Zarate, Rossi, Hagi

CRONACA

La Juventus scende in campo con la voglia di affermare la supremazia in campionato per il sesto anno consecutivo. La dinamica è sempre la stessa: atteggiamento  aggressivo, pressing alto, passaggi filtranti con il centrocampo bianconero che annulla di fatto i tentativi di recupero viola. Le prime azioni da gol si verificano già nei primi minuti con Khedira che al 10′ fa transalire i tifosi della Fiorentina sfiorando la rete. La squadra toscana si chiude nella sua metà campo, cercando raramente affondi nelle retroguardia bianconera essendo sempre obbligata a bloccare le avanzate avversarie. La partita però si sblocca al 37’ e porta una sigla importante. Chiellini infatti crossa una palla perfetta da sinistra e Khedira si fa trovare pronto di testa, appoggiando la palla oltre la linea di porta. 1-0 Juve e partita che raggiunge il time out col medesimo risultato.

Nella seconda parte del match la Juventus sembra perdere la dinamicità e l’intensità di gioco dei primi 45 minuti, lasciando molto spazio alle offensive della Fiorentina, i viola diventano padroni del campo e i bianconeri subiscono la loro offensiva che si conclude al 70′ col gol del pareggio di Kalinic. La Juve però non vuole mollare e cosi si riporta sotto e alza il pressing. L’azione più importante si crea per iniziativa di Asamoah. Il giocatore ghanese mette dentro una bellissima palla per Khedira che tira ma viene respinta, nello stesso momento sulla ribattuta arriva il pipita che senza pieta insacca il gol del vantaggio. La partita arriva al 90′ in una situazione di sostanziale equilibrio con Tatarusanu che difende il risultato negando ripetutamente il terzo gol ai bianconeri.

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter