Vince Tomasz Marczynski!!!

Poteva essere una tappa tranquilla visto l’ultimo GPM piazzato a 40 km dall’arrivo, invece – proprio sull’ultima asperità – c’è l’attacco di Contador che prova da lontano a stupire tutti con la speranza di rientrare in classifica. Froome risponde presente, Chaves, Nibali e Aru rientrano grazie alla discesa. Lo sconfitto di giornata è van Garderen, caduto due volte, mentre Bardet perde 6’26”.

Giornata ideale per le fughe, ed ecco che parte un attacco da lontano con ben 28 corridori al vento. Tra i coraggiosi di giornata ci sono anche Giovanni Visconti, Cesare Bendetti e Davide Villella, ancora alla caccia di punti per la maglia a pois. Il leader della classifica scalatori scollina per primo sull’Alto de Alcudia de Veo e sul Puerto de Eslida, ma si fa anticipare da Atapuma sull’Alto de Chirivilla. Il gruppo maglia roja tiene però a bada questo tentativo, non facendo mai andare lo svantaggio oltre i 2’30”: a questo punto provano a partire da soli Jungels e Monfort, ma il lussemburghese e il belga vengono ripresi dai compagni di fuga prima dell’attacco del Puerto del Oronet.

Il Puerto del Garbí è l’ultima asperità di giornata, salita impegnativa ma molto lontano dalla linea del traguardo. 9,3 km alla pendenza media del 5,1%, con punte al 22%, ed ecco che parte Contador che prova a lanciare l’attacco ai -41 km, dopo una trainata di Stetina che fa la differenza. Aru in difficoltà, poco dopo cede anche Nibali, e solo Froome, Chaves, van Garderen e Betancur riescono a tenere il passo dello spagnolo. Dopo poco anche Chaves abbandonerà la compagnia, mentre van Garderen e Betancur si auto-eliminano con una goffa caduta causata dallo stesso corridore della BMC. Staccati tutti gli altri, da Kruijswjik a Zakarin, da Meintjes a Rui Costa, per non parlare di Bardet che arriverà al traguardo con un ritardo di 6’52”. Contador continua a spingere, Froome mantiene le sue ruote, ma i due trovano la discesa, dove non riescono a fare più la differenza. A quel punto rientrano Chaves, Nibali, Aru e tanti altri corridori, attenti a Barguil e Kelderman della Sunweb, ci sono anche Adam Yates, Roche, Zakarin e Woods. Più staccati, invece, Rui Costa, Meintjes, de la Cruz, Kruijswijk, Majka, Igor Antón e van Garderen che rimedia un’altra caduta poco prima dell’arrivo.

Davanti restano solo in 5 con Marczynski, Enric Mas, Poljanski, Pedrero e Luis León Sánchez a giocarsi la vittoria di tappa. Non c’è molta collaborazione però tra i fuggitivi, tanto che il gruppo dei big si avvicina minaccioso ai -10 km dall’arrivo. Si rialzano Pedrero e LL Sánchez, con il murciano richiamato da Aru per sicurezza, mentre Vincenzo Nibali ritrova Visconti andato precedentemente in fuga. Ci si gioca tutto in volata tra Marczynski, Mas e Poljanski, dove a vincere è il più esperto dei tre, con il successo del polacco della Lotto Soudal. Poco dopo arriva anche LL Sánchez che era ripartito alla caccia di un piazzamento e Polanc.

ORDINE D’ARRIVO:
1. Tomasz Marczynski Lotto- Soudal 4:47.02
2. Pawel Poljanski Bora – Hansgrohe +0.00
3. Enric Mas Quick – Stefloors +0.00
4. Luis Sanchez Astana Pro Team +0.08
5. Jan Polank UAE Team Emitrates +0.08
6. Warren Barguil Team Sunweb +0.26
7. Giovanni Visconti Bahrain Merida Pro CT +0.26
8. Cheris Froome Team Sky +0.26
9. Fabio Aru Astana Pro Team +0.26
10. Jack Haig ORICA- Scott +0.26

CLASSIFICA GENERALE:
1. Chris Froome Team Sky 22:54.38
2. Johan Chaves ORICA-Scott +0.11
3. Nicolas Roche BMC Recing Team +0.13
4. Tejay Van Graderen BMC Recing Team +0.30
5. Vincenzo Nibali Bahrain Merida Pro CT +0.36
6. David De la Cruz Quick- Stepfloors +0.40
7. Fabio Aru Astana Pro Team +0.49
8. Adam Yates ORICA-Scott +0.50
9. Michael Woods Cannondale-Drapac Pro CT +1.13
10. Simon Yates ORICA-Scott +1.26

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter