Una super Atalanta stende il Sassuolo: 4-1

Al Gewiss Stadium i nerazzurri calano il poker contro gli uomini di De Zerbi nel recupero della 25° giornata di campionato. Il successo della Dea é firmato dal colombiano con due gol di testa, da Djimsiti e da un autogoal di Bourabia. Espulso Gasperini nella ripresa per proteste

FORMAZIONI:

Atalanta (3-4-2-1): Gollini; Djimsiti, Caldara, Palomino; Hateboer, De Roon, Pasalic, Gosens; Freuler, Gomez; Zapata. Gasperini.

Sassuolo (4-2-3-1): Consigli; Toljan, Marlon, Peluso, Kyriakopoulos; Bourabia, Locatelli; Berardi, Defrel, Boga; Caputo. All. De Zerbi.

CRONACA:

Al Gewiss Stadium un minuto di raccoglimento per ricordare tutte le vittime del Covid-19.
Dedicato a Bergamo ed a tutti i bergamaschi, a chi non c’è più e a chi sta lottando contro questo nemico invisibile. L’Atalanta parte insolitamente piano e nei primi 10 minuti è il Sassuolo a far la partita: gli emiliani si fanno vedere in zona Gollini in un paio di occasioni, senza però affondare il colpo. Mancanza di cinismo che viene pagata a caro prezzo al quarto d’ora: uno schema da corner porta Caldara a fare da torre per la deviazione sotto porta di Djimsiti. La partita si stappa. Gomez si vede annullare il 2-0 dal Var per un fallo di mano. Zapata rischia il bis, ma stavolta dalla cabina non arrivano indicazioni contrarie dopo il check. Il colombiano sfiora subito la doppietta incornando sulla traversa. Il 3-0 arriva prima del duplice fischio di Chiffi: Bourabia spinge goffamente il pallone nella propria porta.

Non è tutto oro però per l’Atalanta, che dopo aver perso Ilicic per infortunio nel prepartita – lieve distorsione alla caviglia – vede anche un giallo pesante per Pasalic: diffidato, dovrà saltare la partita con la Lazio mercoledì. Fuori anche Gasperini, espulso da Chiffi sul 4-0. Ci sarà invece, salvo imprevisti, Duvan Zapata, che a metà ripresa sigla la doppietta ancora di testa e scaccia i pensieri che il Sassuolo stava dando a Gollini in contropiede. Gli ultimi 20 minuti servono alla Dea solo per far mettere minuti nelle gambe a Malinovskiy, Castagne, Muriel e Toloi, più al giovane Colley. Il Sassuolo reclama un rigore per fallo su Defrel che l’arbitro non ravvede. Bourabia segna il goal della bandiera su punizione nel recupero, ma la sostanza rimane la stessa: l’Atalanta allunga sulla Roma quinta tenendosi stretto il quarto posto, con 6 punti di vantaggio sui giallorossi.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter