Un super Bologna chiude con un 3-2 al Napoli

Dall’Ara in delirio per il Bologna di Mihajlovic: 3-2 al Napoli con doppietta di Federico Santander e rete di Blerim Dzemaili. A nulla vale la provvisoria rimonta ospite firmata Faouzi Ghoulam e Dries Mertens. Gli emiliani chiudono a 44 punti, record dell’era Saputo

FORMAZIONI:

Bologna (4-2-3-1): Skorupski; Mbaye, Danilo, Lyanco, Dijks; Dzemaili, Pulgar; Orsolini, Soriano, Palacio; Santander. All. Mihajlovic.

Napoli (4-4-2): Karnezis; Malcuit, Albiol, Luperto, Ghoulam; Verdi, Zielinski, Ruiz, Insigne; Milik, Younes. All. Ancelotti.

CRONACA:

Una partita che si è giocata senza assilli di classifica quella del Dall’Ara e che forse anche per questo motivo si è giocata a ritmi elevati. Molto meglio i partenopei in avvio, visto che la squadra guidata da Carlo Ancelotti dà fin da subito l’impressione di voler premere sull’acceleratore per mettere la contesa sui giusti binari e in almeno tre occasioni, nei primi 25’, va vicina al vantaggio con Verdi, Insigne e Milik. Il Bologna fatica a reggere il ritmo imposto e si limita a chiudersi per poi provare a rendersi pericoloso con le ripartenze ma, proprio nei minuti finali della prima frazione, quando lo 0-0 sembra il risultato ormai scolpito, trova un terrificante uno-due con Santander e Dzemaili che vale il 2-0.

Nella ripresa, sotto di due reti, il Napoli si ripresenta in campo con la voglia di provare la clamorosa rimonta. Il piglio è fin dalle prime battute quello giusto e, dopo un paio di squilli di Milik è Ghoulam è Ghoulam a riaprire il discorso. Il Bologna, rispetto alle fasi finali del primo tempo sembra aver esaurito la sua forza propulsiva e di fatto fatica anche solo ad uscire dalla propria metà campo. Gli sforzi del Napoli vengono premiati al 78’ quando Mertens, da poco entrato in campo, fissa il risultato sul definitivo 2-2. Per gli uomini di Mihajlovic la gioia di aver chiuso in bellezza uno straordinario cammino che ha portato ad una salvezza parsa a tratti complicatissima. Il Napoli invece saluta il torneo con un ko che non cancella comunque quanto di buono fatto.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter