Un grande Valtteri Bottas vince a Sochi

Un fantastico Valtteri Bottas vince il primo GP della carriera al termine di una gara perfetta. Bottas sopravanza le Ferrari in partenza e comanda davanti ad un indemoniato Sebastian Vettel, che però non riesce a passarlo. Terzo Kimi Raikkonen.

Gomma US ultrasoft usata per tutti i primi 10 in griglia. Al via il giro di formazione. US nuova dalla 11 alla 16esima piazza, così come per Grosjean. Mescola S soft nuova per Wehrlein, Ericsson e Vandoorne. 26°C la temperatura dell’aria e 40°C quella dell’asfalto, quando parte il giro di formazione del GP di Russia. La McLaren di Alonso lamenta subito dei problemi di potenza e non riesce a schierarsi: lo spagnolo abbandona la sua monoposto ai commissari di pista e si avvia verso i box a piedi, mentre viene dato un altro giro di formazione in pista. Allo spegnersi dei semafori buono spunto di Vettel, ma Bottas gli si mette subito in scia e alla curva 2 riesce a prendersi la leadership. Raikkonen è scivolato terzo e riesce quantomeno a tenere dietro Hamilton. Seguono Verstappen, Massa, Ricciardo, Perez, Ocon e Hulkenberg. Subito in pista la safety car: contatto tra Grosjean e Palmer e testacoda di Stroll. La Haas e la Renault sono fuori, mentre la Williams riesce a ripartire. Vandoorne passa subito dai box e monta le ultrasoft, così come Ericsson. Al giro 4 rientra la safety car e a quello successivo arriva anche il ritiro di Ricciardo, con i freni incandescenti. Bottas intanto ha un vantaggio 2.4s su Vettel. Al giro 10: Bottas, Vettel, Raikkonen, Hamilton, Verstappen, Massa, Perez, Ocon, Hulkenberg e Magnussen.

Hamilton intanto cerca di avvicinarsi a Raikkonen, ma i meccanici gli dicono che deve raffreddare il motore. Tra Bottas e Hamilton invece il distacco è di 11 secondi. Botta e risposta a suon di giri veloci tra il leader e Vettel, ai quali poi risponde Hamilton, che nel frattempo ha “risolto” i problemi di surriscaldamento e si è rimesso a caccia di Raikkonen. Al giro 21 cominciano i problemi di blister per Ferrari e Mercedes, con le Frecce d’Argento che sembrano soffrire di più. Al giro 22, pit stop per Wehrlein e Massa, che montano rispettivamente ultrasoft e supersoft. Pit stop anche per Sainz, che passa alle supersoft e rientra 11esimo. Al giro 27 è il turno di Bottas: gomma supersoft e quarta posizione al suo rientro. Pit stop e medesima gomma anche per Perez. Al giro 29 la sosta tocca a Raikkonen, che rientra quarto. Lo segue Verstappen, che torna in pista alle spalle del finlandese. Al giro 31 si ferma anche Hamilton, e rientra quarto. Vettel rimane fuori cercando di guadagnare più terreno possibile su Bottas.

Il tedesco della Ferrari si ferma al giro 34: pit stop non perfetto per lui e rientro alle spalle di Bottas, in seconda posizione. Seguono Raikkonen, Hamilton, Verstappen, Hulkenberg, Massa, Perez, Ocon e Sainz. Solamente la Renault si deve ancora fermare, gli altri sono già passati tutti alla gomma SS. Vettel è a 4.4s dal leader, Hamilton a 14s. Bottas effettua un bloccaggio e quasi bacia il muro, ma resiste e continua, seppur perdendo un po’ di terreno da Vettel, che tenta il tutto e per tutto per andare a prendere la Mercedes sul finale…

A una decina di giri dalla fine, il distacco tra Bottas e Vettel si è ridotto a 1.8s. L’ultimo a effettuare il pit stop tra i primi 10 e passare alle supersoft è Hulkenberg. Secondo pit stop intanto per Massa, che rimonta le ultrasoft e rientra nono. Gli ultimi giri sono tutti una caccia da parte del tedesco sul finlandese. Vettel si avvicina sempre di più, ma Bottas resiste e, complice anche l’ultimo doppiaggio su Massa, va a vincere il GP di Russia davanti alle due Ferrari.

ORDINE D’ARRIVO:
1. Valtteri Bottas Mercedes 1:28:08.74
2. Sebastian Vettel Ferrari +0.61
3. Kimi Raikkonen Ferrari +11.00
4. Lewis Hamilton Mercedes +36.32
5. Max Verstappen Red Bull +1:00.41
6. Sergio Perez Force India +1:26.78
7. Esteban Ocon Force India +1:35.00
8. Nio Hulkenberg Renault Sport +1:36.18
9. Felipe Massa Williams +1g
10. Carlos Sainz Toro Rosso +1g

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter