Un grande Parma batte la Roma 2-0

Bella partita al Tardini tra Parma e Roma, con i padroni di casa che vincono 2-0 grazie ai gol nella ripresa di Sprocati e Cornelius. I giallorossi ci provano, ma i crociati giocano decisamente meglio degli ospiti e meritatamente portano a casa i tre punti. Il Parma sale a quota 17 punti in classifica, la Roma invece si fa superare da Cagliari e Lazio

FORMAZIONI:

Parma (4-3-3): Sepe; Darmian, Dermaku, Gagliolo; Kucka, Scozzarella, Hernani; Kulusevski, Cornelius, Gervinho. All. D’Aversa.

Roma (4-2-3-1): Lopez; Spinazzola, Smalling, Fazio, Kolarov; Mancini, Veretout; Zaniolo, Pastore, Kluivert; Dzeko. All. Fonseca.

CRONACA:

Sul prato verde del Tardini si affrontano una Roma che vuole consolidare il terzo posto e cancellare la sconfitta in coppa e un Parma che vuole approfittare della stanchezza giallorossa dovuta alle tante gare in pochi giorni senza possibilità di turnover. Fonseca anche quest’oggi decide di non effettuare turnover se non schierare Spinazzola recuperato a destra. D’Aversa da parte sua schiera un tridente puro formato da Kulusevski, Cornelius e l’ex Gervinho per impensierire la retroguardia giallorossa. La gara parte subito con la Roma che vuole imporre il proprio gioco al fine di cercare di chiudere quanto prima la gara, ma il Parma è ben organizzato e anzi con ripartenze rapidi cercando spesso, molto spesso, Gervinho prova a far male si giallorossi. La retroguardia romanista è molto attenta e un ottimo Smalling e una bella gara di mancini non permettono ai figli di impensierire Pau Lopez che comunque sia quando chiamato in causa di fa trovare pronto. La Roma cerca di produrre gioco ma l’unico che non sembra stanco o per lo meno sembra accusare poco le 7 partite in 20 e Kluivert, che con due/tre tentativi di strappi prova ad impensierire la retroguardia del Parma ma è proprio l’ultimo passaggio che manca alla Roma, infatti Sepe che viene impensierito poco. Il primo tempo si avvia al fine senza regalare troppe emozioni ma con le due squadre che costrette ad un cambio a testa per via di infortuni muscolari, la Roma al 26 deve rinunciare a Spinazzola e al suo posto entra Santon e il Parma invece deve rinunciare a Gervinho e al suo posto entra Sprocati. La ripresa parte con un altra marcia, e la Roma raschiando il barile dell’energia prova a colpire il Parma ma l’impressione è che la partita la può sbloccare solo su calcio piazzato e l’occasione arriva ma prima il palo e poi Sepe dicono di no a Kolarov che su calcio piazzato coglie il legno e pastore sulla ribattuta trova attento e concentrato l’estremo difensore Ducale. Quando la Roma inizia a calare fisicamente ecco che il Parma prova ad approfittarne e al 68′ proprio il sostituto di Gervinho trova il gol del vantaggio e Sprocati porta il Parma sull’1-0. La Roma a questo punto si spinge tutta in avanti per trovare il pari e Pau Lopez salva la Roma in più occasioni. Quando le possibilità per buttarla dentro capitano la Roma non ne approfitta in particolar modo Zaniolo che in una occasione non decide di calciare e perde di fatto il pallone facendo infuriare i compagni di reparto. Chi non sbaglia è Cornelius che allo scadere chiude il match segnando il 2-0 al 93′. Migliore in campo per la Roma Mancini mentre per il Parma Cornelius.

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter