Tra Sassuolo ed Atalanta é solo 1-1

Al Mapei Stadium Atalanta e Sassuolo si annullano a vicenda. Apre i conti Gosens al 33′, con Berardi che pareggia al 51′ su calcio di rigore. Decisive le espulsioni di Gollini al 23′ e Marlon al 76′, con Muriel che ha sbagliato un rigore al 77′

FORMAZIONI:

Sassuolo (4-2-3-1): Consigli; Muldur, Chiriches, Marlon, Kyriakopoulos; Obiang, Locatelli; Berardi, Traoré, Boga; Defrel. All. De Zerbi.

Atalanta (3-4-2-1): Gollini; Toloi, Romero, Djimsiti; Hateboer, De Roon, Freuler, Gosens; Malinovsky, Pessina; Zapata. All. Gasperini.

CRONACA:

La sfida tra le squadre più spettacolari del campionato è una sorta di partita a scacchi, dove nessuna delle due sembra voler affondare il colpo con la mossa vincente. Un canovaccio strano, stravolto improvvisamente dall’infelice decisione di Gollini: Boga viaggia come un treno sul binario sinistro ma viene abbattuto dal portiere fuori area, inducendo Pairetto ad estrarre il rosso diretto per chiara occasione da rete interrotta. L’uomo in meno non scoraggia i ragazzi di Gasperini che, comunque, fanno la partita: Zapata fa letteralmente reparto da solo sgomitando con Marlon e Chiriches, e il suo rasoterra impegna in qualche modo Consigli. Malinovskyi si conferma in un ottimo momento di forma con l’assist che vale la rete di Gosens: finalizzazione in bello stile per il tedesco che raggiunge la doppia cifra in campionato. La reazione neroverde è racchiusa in un tiro a botta quasi sicura di Berardi, che non inquadra lo specchio della porta dopo un errore atalantino in disimpegno. Zapata trova il raddoppio con un colpo di testa da due passi, ma l’arbitro annulla per offside di Hateboer che partecipa attivamente all’azione.

Proteste atalantine in avvio di ripresa: spinta ai limiti della regolarità di Toloi su Traorè e penalty per il Sassuolo, trasformato alla perfezione da Berardi che riequilibra il punteggio. Hateboer ha subito la chance del nuovo vantaggio, ma la spreca facendo fare bella figura ad un reattivo Consigli. Il nuovo entrato Raspadori semina il panico nella retroguardia bergamasca e offre a Locatelli l’assist per il comodo 2-1: Pairetto annulla per fuorigioco del classe 2000. Dall’altra parte Gasperini si gioca la carta Muriel e il colombiano impiega poco tempo per farsi notare: suo lo spunto che costringe Marlon ad effettuare fallo da rigore e a subire il secondo giallo di giornata, ma dagli undici metri l’ex Lecce si lascia ipnotizzare da Consigli che regala così la festa Scudetto all’Inter con quattro giornate d’anticipo.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter