Sull’Alto de la Farrapona vince David Gaudu

Alto de la Farrapona - Spain - wielrennen - cycling - cyclisme - radsport - David Gaudu (France / Team Groupama FdJ) pictured during 75th La Vuelta ciclista a Espana (2.UWT) stage 11 from Villaviciosa > Alto de la Farrapona (170KM) - photo Luis Gomez/Cor Vos © 2020

Carapaz voleva lanciare l’assalto a Roglic ma, sull’ultima salita, si è ritrovato senza compagni di squadra mentre lo sloveno ne aveva ancora 4. Alla fine niente distacchi tra gli uomini di classifica e ad approfittarne è David Gaudu che batte al traguardo della Farrapona Marc Soler

Si parte subito con l’Alto de la Campa, con l’attacco di Wellens per il discorso maglia a pois. Guillaume Martin prova ad inseguirlo, ma il belga scollina per primo. Poi Wellens resta davanti, aspettando altri corridori, e la fuga si forma qualche km dopo con la presenza di Martin, Gaudu e Armirail, Nélson Oliveira, Eg, Storer e Donovan. A tenere il ritmo in gruppo sono Ineos Grenadiers e Jumbo Visma, con la Movistar che resta a guardare. Sull’Alto de la Colladona si stacca Froome, ma il britannico riesce a rientrare mentre – a sorpresa – prova a partire Soler sull’Alto de la Cobertoria. Il corridore della Movistar prova ad anticipare in vista di un possibile attacco da lontano di Enric Mas e si porta sui fuggitivi prima dello scollinamento della terza salita di giornata.

Wellens si stacca e Guillaume Martin incrementa quindi il proprio vantaggio nella classifica scalatori, passando per primo sull’Alto de la Cobertoria e sul Puerto de San Lorenzo. Soler si prende invece i secondi di abbuono al traguardo volante, mentre il gruppo rimonta a 2’34” sotto la spinta dei Jumbo Visma di Primoz Roglic. Sull’ultima salita c’è troppa fase di studio tra gli uomini di testa e Soler piazza una fiammata ai -5,2 dal traguardo: lo spagnolo viene inseguito da Gaudu, mentre si stacca Guillaume Martin. Alla fine è sfida tra lo spagnolo della Movistar e il francese della Groupama-FJD e negli ultimi metri si vede che Soler è un po’ più stanco dopo la grande rimonta cominciata a metà tappa. Ecco che parte Gaudu ai 125 metri dal traguardo, con il classe ’96 che ottiene la sua prima vittoria in un Grande Giro. Soler si ‘accontenta’ di essere salito al 6° posto della generale.

Nel gruppo non succede praticamente nulla, con Sepp Kuss a controllare la situazione. Si stacca Chaves per un problema meccanico, mentre l’unico a provare un attacco è Vlasov. Anche Daniel Martin prova una fiammata proprio negli ultimi metri, ma Carapaz, Roglic e Enric Mas rispondono presenti. Resta un po’ piantato Hugh Carthy che perde invece 7”.

ORDINE D’ARRIVO:
1. David Gaudu Groupama-FDJ 4:54.13
2. Marc Soler Movistar Team +0.04
3. Michael Storer Team Sunweb +0.52
4. Mark Donovan Team Sunweb +0.52
5. Guillaume Martin Cofidis +0.55
6. Aleksandr Vlasov Astana Pro Team +0.58
7. Daniel Martin Israel Start-Up Nation +1.03
8. Enric Mas Movistar Team +1.03
9. Richard Carapaz Team Ineos +1.03
10. Primoz Roglic Team Jumbo-Visma +1.03

CLASSIFICA PRINCIPALE:
1. Primoz Roglic Team Jumbo-Visma 45:20.31
2. Richard Carapaz Team Ineos +0.00
3. Daniel Martin Israel Strat-Up Nation +0.25
4. Hugh Carthy EF Pro Cycling +0.58
5. Enric Mas Movistar Team +1.54
6. Marc Soler Movistar Team +2.44
7. Felix Großschartner Bora-Hansgrohe +3.31
8. Alejandro Valverde Movistar Team +3.44
9. Wout Poels Bahrain-McLaren +3.54
10. Mikel Nieve Mitchelton-Scott +4.43

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter