Stravince Lewis Hamilton che mette le mani sul Mondiale

Dominio Mercedes anche a Suzuka. Stavolta però Lewis Hamilton non ha bisogno dell’aiuto del compagno per stravincere il GP del Giappone e mettere le mani sul 5° titolo della carriera. Doppietta Mercedes con Bottas secondo, buona gara della Red Bull con Verstappen terzo.

Sole e caldo a Suzuka, quando tutto è pronto per la partenza del GP del Giappone: tutti i primi dieci partono su supersoft usata, soft usata invece per le Mercedes e Grosjean, nuova per Leclerc. Allo spegnersi dei semafori Hamilton tiene la leadership e sfila via, con Bottas, Verstappen e Raikkonen alle sue spalle. Vettel si mangia subito le due Toro Rosso davanti a sé, per risalire dopo poche curve fino alle spalle del compagno di squadra. Verstappen effettua un bloccaggio e accompagna Raikkonen fuori, beccandosi cinque secondi di penalità. Vettel ne approfitta per scavalcare Kimi.

Al secondo giro: Hamilton, Bottas, Verstappen, Vettel, Raikkonen, Grosjean, Gasly, Perez, Ocon e Hartley. Magnussen ha subìto una foratura in un contatto con Leclerc e rientra ai box per il cambio gomma. La Haas sarà poi la prima a ritirarsi. Al giro 4 entra la safety car per rimuovere la gomma seminata da Magnussen, e anche Leclerc ne approfitta per passare dai box. Alla ripartenza Vettel attende un solo giro e poi si lancia tipo kamikaze su Verstappen: c’è il contatto e il tedesco si gira, precipitando sul fondo della griglia. La dinamica verrà archiviata come normale incidente di gara.

Al giro 6 Ricciardo è risalito al quinto posto, Vettel in 14esima posizione. Raikkonen pitta per primo, al giro 18, e monta le medium. Al giro 20: Hamilton, Bottas, Verstappen, Ricciardo, Grosjean, Gasly, Perez, Raikkonen, Ocon e Sainz. Verstappen si ferma al giro 22, sconta i 5 secondi di penalità, monta le soft, e rientra quinto davanti a Kimi. Bottas, Ricciardo e Hamilton rientrano uno dopo l’altro ai box per montare la mescola bianca. Al giro 27 Vettel passa alla soft. Al giro 31 il tedesco è nono.

Al giro 39 si ritira la Renault di Hulkenberg, mentre Hamilton guida indisturbato il gruppo davanti a Bottas, Verstappen, Ricciardo, Raikkonen, Vettel, Grosjean, Perez, Ocon e Gasly. Ritiro per Leclerc, mentre Verstappen, grazie ai doppiati e all’intervento della VSC, si avvicina sempre di più a Bottas. Nei giri finali la battaglia tra Hamilton e Vettel si gioca a suon di giri veloci, con il tedesco che fa suo il miglior tempo in gara, ma la vittoria va a Lewis Hamilton, davanti a Bottas e Verstappen.

ORDINE D’ARRIVO:
1. Lewis Hamilton Mercedes 1:27:17.06
2. Valtteri Bottas Mercedes +12.91
3. Max Verstappen Red Bull +14.29
4. Daniel Ricciardo Red Bull +19.29
5. Kimi Raikkonen Ferrari +50.99
6. Sebastian Vettel Ferrari +1:09.87
7. Sergio Perez RPM 1:19.37
8. Romain Grosjean Haas +1.27.19
9. Esteban Ocon RPM +1:28.05
10. Carlos Sainz Renault Sport +1g.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo