Spagna sul tetto d’Europa! Germania ko 2-1

Alla Dacia Arena i ragazzi di De la Fuente trionfano 2-1 contro la Germania nella finale remake di due anni fa. Per la Rojita è il 5° successo della sua storia, raggiunta l’Italia. Mattatori della serata Fabian Ruiz con un gran sinistro a giro dopo appena 7 minuti e Dani Olmo. Inutile il gol allo scadere di Nadiem Amiri

FORMAZIONI:

Spagna (4-2-3-1): Sivera; Aguirregabiria, Nunez, Vallejo, Junior; Roca, Ruiz; Olmo, Ceballos, Fornals; Oyarzabal. All. De la Fuente.

Germania (4-3-3): Nubel; Klostermann, Tah, Baumgartl, Henrichs; Serdar, Eggestein, Dahoud; Oztunali, Waldschmidt, Amiri. All. Kuntz.

CRONACA:

Dopo i primi minuti di studio, la Spagna accelera e trova subito il vantaggio con un’iniziativa personale di Fabian Ruiz, che parte palla al piede dopo aver ricevuto palla al di là della metà campo da Oyarzabal e da oltre 20 metri lascia partire un sinistro che non lascia scampo a Nübel. Trovato il goal, le Furie Rosse provano a controllare la gara, con la Germania che ci mette un po’ ad entrare in partita.

Per poco però gli spagnoli non restano in 10 uomini a causa di un brutto fallo di Vallejo su Waldschmidt, ben lanciato in contropiede, punito solamente con un cartellino giallo anche dopo la consultazione del VAR. La ripresa vede una Germania più determinata e all’attacco per provare a raggiungere il pareggio e la Spagna che cerca di gestire il vantaggio e tenere il possesso palla. Ma una papera di Nübel su conclusione centrale di Fabian Ruiz porta al raddoppio delle Furie Rosse targato Dani Olmo. I tedeschi ci provano, ma è la Spagna a sfiorare il tris con un diagonale di poco a lato del solito Fabian Ruiz. I tanti cambi ridanno linfa alla Germania, soprattutto l’ingresso di Nmecha in avanti. Amiri con un tiro dalla distanza deviato da Vallejo riapre i giochi all’88’, ma è troppo tardi. La squadra di Kuntz ci prova fino alla fine, al fischio dell’arbitro dopo 3′ di recupero è però la Spagna a far festa e ad alzare il trofeo.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter