Simon Yates trionfa sulla salita di Osimo

Nella tappa che passa da Filottrano per la commemorazione del compianto Michele Scarponi, Simon Yates sferra l’attacco a pochi chilometri dalla fine, domina il rientro di Tom Dumoulin e Davide Formolo e centra la seconda vittoria di tappa al Giro 101. Pozzovivo e Pinot a 8 secondi, Aru a 21. Ancora più indietro Froome.

Si parte nella splendida cornice di Assisi e anche oggi è subito bagarre. I cacciatori di fughe hanno segnato in rosso questa tappa del Giro 101 e ci provano corridori di tutte le squadre. Ma il gruppo ingrana le marce alte e quasi tutti gli attaccanti rimbalzano indietro. E non è un caso se a fare la differenza sono degli specialisti: Alessandro De Marchi e Luis Leon Sanchez sono i primi a riuscire ad andarsene. Il plotone dà il suo benestare e la fuga si concretizza. Poco dopo si sganciano altri tre corridori: Fausto Masnada, Mirco Maestri e Alex Turrin. I tre rientrano sulla coppia di testa dopo un breve inseguimento.

Masnada vince il Gpm di terza categoria di Passo del Cornello. Dietro, intanto, il gruppo continua a menare. Lotto Fix All e LottoNL Jumbo tengono alta l’andatura, lavorando rispettivamente per Enrico Battaglin e Tim Wellens, entrambi a caccia del secondo acuto di tappa del loro Giro 2018. La distanza tra gli attaccanti e il plotone non arriva mai oltre i 4 minuti. Ai -30 km si arriva a Filottrano, il momento emotivamente più alto della tappa. Luis Leon Sanchez, uno dei corridori più legati a Scarponi, vince il traguardo volante in cima all’erta. Sullo strappo si staccano Maestri e Turrin.

Il lavoro dei fuggitivi è da applausi, ma il gruppo, pur sfilacciandosi sui numerosi muri di fine percorso, arriva come un treno. Il ricongiungimento si concretizza ai -5 km e in contropiede parte Zdenek Stybar. Tim Wellens sa che può essere la ruota giusta e salta sulle ruote del ceco della Quick-Step. Mentre la coppia prova a prendere il largo, si stacca ancora dai migliori Esteban Chaves, dimostrando di non aver superato i problemi di ieri. Anche Froome e Lopez faticano in fondo al gruppetto. Il finale non dà respiro e anche l’azione di Stybar e Wellens sfuma. E proprio quando vengono ripresi arriva la sparata di Simon Yates. Il primo a rispondere alla maglia rosa è Dumoulin: l’olandese si tiene con le unghie e con i denti a pochi secondi dall’inglese nonostante le asprissime pendenze. Ma per la vittoria di tappa, ancora una volta, non ce n’è per nessuno. Yates scollina da solo e mantiene il margine nel breve rettilineo finale, vincendo la sua seconda tappa in questo Giro.

ORDINE D’ARRIVO:
1. Simon Yates Michelton-Scott 3:35:53
2. Tom Dumoulin Team Sunweb +0.02
3. Davide Formolo Bora-Hansgrohe +0.05
4. Alexandre Geniez AG2R La Mondiale +0.08
5. Domenico Pozzovivo Bahrain Merida Pro CT +0.08
6. Patrick Konrad Bora-Hansgrohe +0.08
7. Thibaut Pinot Groupama-FDJ +0.08
8. Maximilian Schachmann Quick-Step Floors +0.11
9. Rohan Dennis BMC Racing Team +0.18
10. Fabio Aru UAE Team Emirates +0.21

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter