In Sierra Nevada. Alto Hoya de la Mora vince ancora ‘Superman’ Miguel Angel Lopez!

epa06181258 Colombian cyclist Miguel Angel Lopez of Astana team celebrates winning the 15th stage of the Vuelta a Espana cycling race, over 129.4 km between Alcala la Real and Alto Hoya de la Mora, Spain, 03 September 2017. EPA/Javier Lizon

Si andava oltre i 2000 metri di dislivello, ma Nibali non è riuscito a fare la differenza su Froome, ad una tappa dalla cronometro di Logroño. Bravissimo, invece, ancora una volta Miguel Ángel López che fa il bis in quota, frantumando Contador, Bardet e Adam Yates che ci avevano provato da lontano. Nibali perde 6” al traguardo da Froome, Ilnur Zakarin invece sale sul podio virtuale.

Molti tentativi di fuga ad inizio giornata, tra i più attivi anche i nostri De Marchi, Trentin e Villella. Al km 38 si forma la fuga con Trentin che riesce ad entrarci all’ultimo, giusto in tempo per il traguardo volante e i 4 punti per la classifica della maglia verde. Sulla prima salita, solo Armée resta in testa tra i corridori andati fuga, dietro invece provano a sganciarsi dal gruppo maglia roja Adam Yates, Kruijswijk, Bardet e Majka. Nel plotone, invece, sono tanti i corridori a staccarsi già sull’Alto de Hazallanas, tra questi anche Nicolas Roche uomo di classifica della BMC.

Sulla seconda salita si continua a fare fatica, ma la situazione resta in variata con 3 corridori in testa visto la presenza di Adam Yates, Kruijswijk e Bardet che cercano di fare il numero da lontano. Dietro, sempre il Team Sky a controllare la situazione per scoraggiare ogni tipo di attacco con il lavoro di un eccezionale Salvatore Puccio, poi sostituito da Gianni Moscon. C’è chi comunque ha fantasia e ai -26,5 km dal traguardo ecco che partono Contador e Miguel Ángel López. I due guadagnano subito sul gruppo, ma mantengono sempre un minuto di svantaggio nei confronti di Yates che nel frattempo ‘fa fuori’ Bardet e Kruijswijk. La situazione in gruppo resta invariata fino a 13 km dall’arrivo, quando c’è un attacco di Vincenzo Nibali che prova a scombinare i piani del Team Sky, anche se dopo circa due km il siciliano viene riassorbito nel plotone sotto la spinta di Nieve, perfetto nel controllare la situazione. Froome ha ben due compagni di squadra, Aru ha al suo fianco Pello Bilabo, mentre Nibali è da solo con Pellizotti che questa volta non riesce a tenere le ruote dei migliori.

Si forma un quartetto all’inseguimento di Adam Yates, con Contador e Miguel Ángel López che riprendono Bardet e Kurijswijk. I quattro, però, non riescono a guadagnare sul britannico ed ecco che parte da solo il corridore colombiano, che cerca di fare la differenza una volta superata quota 2000 metri di dislivello. Kruijswijk è il primo a salutare, poi anche Contador e Bardet sono costretti al ko dal corridore dell’Astana che – nel frattempo – riprende Yates, lo stacca, andando poi a vincere in solitaria. Dietro, dopo il lavoro di Nieve, comincia quello di Poels che prova addirittura ad aumentare l’andatura. Ai -1,5 km dal traguardo Zakarin ha, comunque, la forza di partire, con il russo che si prende i secondi di abbuono per diventare 3° nella generale. Anche Kelderman prende l’abbuono rimasto, ma non riesce ad evitare il sorpasso dal corridore della Katusha, mentre Froome guadagna 6” su Nibali, rispondendo alla volata persa a Sierra de la Pandera. Più staccato, invece, Fabio Aru che in classifica viene superato dal suo stesso compagno di squadra López.

ORDINE D’ARRIVO:
1. Miguel Angel Lopez Astana Pro Team 3:34.51
2. Ilnur Zakarin Team Katusha-Alpecin +0.36
3. Wilco Kelderman Team Sunweb +0.45
4. Johan Chaves ORICA-Scott +0.47
5. Chris Froome Team Sky +0.47
6. Michael Woods Cannondale-Drapac Pro CT +0.50
7. Vincenzo Nibali Bahrain Merida Pro CT +0.53
8. Wout Poels Team Sky +0.53
9. Louis Meintjes UAE Team Emirates +0.53
10. Pello Bilbao Astana Pro Team +1.02

CLASSFICA GENERALE:
1. Chris Froome Team Sky 62:06.25
2. Vincenzo Nibali Bahrain Merida Pro CT +1.01
3. Ilnur Zakarin Team Katusha-Alpecin +2.08
4. Wilco Kelderman Team Sunweb +2.11
5. Johan Chaves ORICA-Scott +2.39
6. Miguel Angel Lopez Astana Pro Team +2.51
7. Fabio Aru Astana Pro Team +3.24
8. Michael Woods Cannondale-Drapac Pro CT +3.26
9. Alberto Contador Trek-Segafredo +3.59
10. Wout Poels Team Sky +5.22

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter