Seppi ko con Delbonis, Argentina in avanti sull’Italia

E’ dell’Argentina il primo punto del quarto di finale di Coppa Davis al Circolo Baratoff di Pesaro, dopo una battaglia di 3 ore e 38 minuti Federico Delbonis batte Andreas Seppi 7-6 (7-4), 3-6 6-3 7-6 (7-3). Rinvisto l’altro match Fognini-Monaco.

Partita cominciata alle 15.30 per al pioggia, tre ore dopo l’orario previsto: a causa della durata, il secondo singolare tra Fognini e Monaco è rinviato a domani, con inizio alle ore 11, poi verrà giocato il doppio, per Delbonis e’ stata la prima vittoria contro Seppi.

La classica partita da Davis, brutta ma emozionante, con l’inerzia che cambia da un game all’altro, la partenza di Andreas è al rallentatore, già nel secondo game è costretto a cedere il servizio su una palla dell’argentino che pizzica la riga di battuta e lo costringe a un dritto lungo. A Seppi scappa troppo il dritto, mentre Delbonis è una sentenza quando può accorciare gli scambi e dare profondità al dritto.

Nell’ottavo game, con l’italiano al servizio, il numero 40 del mondo si procura due set point, ma una palla corta vincente di Andreas e un suo dritto lungo lasciano in vita l’azzurro. Il match cambia improvvisamente nel game successivo, Delbonis serve per il set e con tre errori banali, tra cui un doppio fallo, cede la battuta, la partita continua ad essere un’altalena, condita da molti errori, come quelli che Seppi regala nel 12° game concedendo altri due set point al giocatore argentino, poi annullati con un errore di dritto dell’argentino e un ace.

Il tie break conferma la tendenza, Seppi va 3-1 grazie a uno sciagurato dritto dell’avversario, ma poi con due doppi e un dritto lungo regala il parziale.

Il secondo set è la fotocopia del primo, solo che questa volta è Delbonis a partire al rallentatore, cedendo il servizio nel secondo game e Andreas, finalmente più aggressivo, basterà per ottenere un confortante 6-3 in 36 minuti

Nel terzo set,  Delbonis non riesce più ad essere esplosivo nei primi due o tre scambi e Seppi, in un terzo game da 20 punti, ha quattro occasioni per il break, ma non le sfrutta. E come e’ già accaduto, l’inerzia del gioco cambia, nell’ottavo game Andreas riesce ad annullare tre palle break, ma alla quarta deve arrendersi e Delbonis ne approfitta per chiudere 6-3.

L’azzurro, nel secondo game del quarto set, non riesce di nuovo a sfruttare tre palle break, poi è costretto a chiamare l’intervento medico dopo due orre e 55’.

Annulla due delicate palle break sul 3-3 con dritto e palla corta vincenti, ma nell’11°, stanco e sfiduciato, con un dritto lungo perde il servizio e manda l’argentino a servire per il match,  Delbonis, però, non è un cuor di leone, e con tre errori rimanda ogni decisione ad un altro tie break, dove chi è al servizio perde sei punti consecutivi, Seppi recupera da 3-1 a 4-3, ma poi è troppo falloso e cede di schianto.

Per lui 80 gratuiti contro 61, troppi in una partita così tesa ed è di poca consolazione il fatto che i due abbiano ottenuto gli stessi punti, 143, certo per Andreas Seppi un’occasione gettata al vento contro un Delbonis francamente nettamente alla sua portata, adesso si fa dura sperare nella qualificazione alle semifinale, ma si sa Fabio Fognini e’ imprevedibile e domani mattina contro Juan Monaco sara’ la vera partita della verità, quindi forza Fabio facci sognare.

About the Author

Andrea Schiavina
Nato a Bologna il 19/06/1965 titolo di studio Geometra, sport praticati a livello agonistico Nuoto, Pallanuoto, Football americano e Tennis. Appassionato di sport in genere, sono osservatore di calcio professionista, collaboro con Radio Nettuno, Abito a grizzana Morandi in provincia di Bologna sposato

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter