Sci di fondo – Team sprint L’Italia soffre ma si qualifica

Le qualificazioni della team sprint maschile a tecnica libera non sono andate come tutta Italia si aspettava.Il nostro duo, Federico Pellegrino e Dietmar Noeckler, ha sofferto più del previsto per far parte delle dieci nazioni finaliste.

Si sono qualificate direttamente Norvegia, Francia, atleti olimpici russi e Svezia. Vengono ripescate, invece, Francia, Stati Uniti, Canada, Italia, Germania, Finlandia e Repubblica Ceca. Per l’Italia, dunque, qualche sofferenza di troppo, con un Dietmar Nockler apparso non certo in una condizione scintillante, mentre Federico Pellegrino sembra davvero in una forma strepitosa. La finale sarà un terno al lotto, ma sembra che alcune nazioni siano più in palla dei nostri due rappresentati.

La seconda semifinale vedeva al via i nostri Federico Pellegrino e Dietmar Noeckler, in una manche dal livello sicuramente superiore rispetto alla precedente, visto il lotto dei partenti. Assieme all’Italia, infatti, troviamo Norvegia , Svizzera, Canada, Stati Uniti, Francia e Kazakhstan, non certo un sorteggio semplice. Ad inizio frazione è proprio la Francia a provare a forzare i ritmi allungando per circa 4 secondi sugli inseguitori. Norvegia, Svizzera, Stati Uniti e Italia gestiscono l’inseguimento senza andare fuori giri, rimanendo a breve distanza anche dopo il secondo cambio. Metro dopo metro la Norvegia si riporta sulle code degli sci della Francia, mentre l’Italia perde qualche secondo ritrovandosi in sesta posizione. Nella sua seconda frazione Pellegrino ricuce lo strappo, ma nella penultima le cose si complicano, con Francia, Norvegia e Stati Uniti che scappano via. Noeckler conduce l’inseguimento del secondo gruppetto distante alcuni secondi, ma il gap si allarga. Si arriva all’ultima manche con Pellegrino a tutta per rimontare sui fuggitivi, saltando Dario Cologna. Davanti non cambia nulla con Norvegia che vince in scioltezza in 16:03.97 davanti a Francia e Stati Uniti. L’Italia chiude, dunque, in quarta posiziona a 3.22, di un soffio sul Canada, incrociando le dita perchè il suo tempo venga ripescato. E così è.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter