Roma senza pietà: 4-1 al Pescara.

Kevin Strootman e Radja Nainggolan sbloccano la gara a pochi minuti dall’intervallo, la doppietta di Mohamed Salah chiudi i conti nella ripresa. Inutile per il Pescara, matematicamente retrocesso, la rete della bandiera di Ahmad Benali. La Roma stacca il Napoli, portandosi a +4 dal terzo posto.

FORMAZIONI:

Pescara (4-3-3): Fiorillo; Zampano, Coda, Bovo, Biraghi; Coulibaly, Muntari, Memushaj; Benali, Bahebeck, Caprari. All. Zeman.

Roma (4-2-3-1): Szczesny; Rudiger, Manolas, Fazio, Emerson; Paredes, Strootman; Salah, Nainggolan, El Shaarawy; Dzeko. All. Spalletti.

CRONACA:
La Roma a Pescara deve vincere per guadagnare punti sul Napoli e restare il più possibile attaccata alla juventus. I giallorossi partono molto bene cercando di rendersi pericolosa fin da subito, infatti dopo appena due minuti viene annullato un gol a Salah per un fuorigioco millimetrico. La Roma crea tanto nei primi venti minuti (colpisce anche la traversa con Nainggolan) e sembra anche molto ben organizzata dietro concedendo molto poco alla squadra dell’ex Zeman. Nei primi 20 minuti la squadra di Spalletti crea molto e sbaglia altrettanto, non riuscendo a capitalizzare quanto creato, poi anche il Pescara prende le misure e inizia a giocare senza paura e allora con attacchi rapidi e veloci, classici delle squadre del boemo, inizia a creare qualche grattacapo alla retroguardia romanista ma la fase difensiva giallorossa regge. Proprio quando sembra che il primo tempo stava per chiudersi sul risultato di parità, dove la Roma ha sbagliato molto in fase realizzativa, ecco che con una fiammata di El Shaarawy si invola a sinistra serve al centro Strootman che realizza e al 44′ i capitolini passano. Al 45′ quasi nel recupero ecco l’uno-due di Nainggolan che stende il Pescara e porta la Roma al riposo sul risultato di 2-0.

Ripresa che inizia sulla scia del finale del primo ed infatti al 48′ Salah cala il tris giallorosso e allora il Pescara realizza che ormai la serie b è certa ed i biancoblu iniziano a giocare con la testa libera e senza paura. E’ sempre la Roma però a macinare gioco ed occasioni da gol e al 60′ sempre Salah su assist del faraone realizza e porta a 4 le marcature romaniste. La squadra di Spalletti allora in vista del delicato trittico di gare che dovranno afforntare nelle prossime settimane tira il freno a mano cercando di gestire il risultato. Al 71′ a tenere banco è la sostituzione di Dzeko per Granier ed il bosniaco non la prende bene, e dicendo qualcosa al tecnico per il cambio, si dirige direttamente negli spogliatoi. Il Pescara continua ad attaccare e si rende pericoloso in più occasioni impegnando Szczesny in qualche occasione e all’83’ Benali segna il gol della bandiera e fa infuriare Spalletti per le occasioni concesse alla squadra di Zeman. Sul finale Biraghi colpisce il palo su punizione. La gara termina senza minuti di recupero e la Roma ottiene tre punti importantissimi e il Pescara saluta la serie a a cinque giornate dal termine. Migliore in campo per la Roma El Shaarawy, mentre per il Pescara Benali.

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter