Roma fermata in Ucraina: lo Shakhtar Donetsk rimonta e vince 2-1

In gelo polare, un gol del solito Cengiz Under illude la Roma, che però crolla nella ripresa: a segno Facundo Ferreyra e Fred. Al ritorno, alla Romabasterà una vittoria “semplice” per passare il turno.

FORMAZIONI:

Shakhtar Donetsk (4-2-3-1): Pyatov; Butko, Kryvtsov, Rakitsky, Ismaily; Stepanenko, Fred; Marlos, Taison, Bernard; Ferreyra. All. Fonseca.

Roma (4-2-3-1): Alisson; Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov; De Rossi, Strootman; Under, Nainggolan, Perotti; Dzeko. All. Di Francesco.

CRONACA:

In questo ottavo di finale la Roma scende in campo con un clima inusuale ma rompe molto bene il ghiaccio anche se i primi minuti gli ucraini sono scesi pericolosamente senza però impensierire la retroguardia giallorossa. Dopo di che la squadra di Di Francesco ha iniziato a giocare come sanno e si vede, quando scende rischia sempre di far male alla squadra di casa e cosi sprecano tre quattro palle gol importanti in primis con Dzeko. Al 41′ il bomber bosniaco si è rifatto e ha servito molto bene nello spazio Under che segna il quinto gol in quattro gare. La partita sembra mettersi al meglio per i giallorossi ma l’intervallo forse squote in maniera diversa le due squadre in campo, sicuramente in modo positivo per i padrobi di casa e negativo per i ragazzi di Di Francesco. Secondo tempo tutto a favore dello Shakthar con la Roma che smette di giocare e regala un tempo, infatti al 52′ un passaggio in verticale e di facile lettura per la retroguardia romanista che però viene bucata da Ferreira che supera Manolas e batte Alisson. I padroni di casa continuano a giocare e la Roma continua a stare in campo in modo assente e allora ecco che per salvare i giallorossi ci pensa il portiere brasiliano che con alcuni interventi di pregevolissima fattura e di grandissima qualità salva il risultato. Al 71′ però il portiere giallorosso non può nulla sulla punizione di Fred che con il contagiri la insacca sopra la barriera e porta in vantaggio lo Shakthar. La Roma non gira proprio benache con i cambi anche se Gerson subentrato ad Under è l’unico a tentare ad impensierire il portiere ucraino ma le conclusioni non preoccupano il portiere. La gara si avvia alla conclusione e sul finale è Bruno peres a salvare il risultato lasciando il risultato aperto e poter così ribaltare la situazione all’Olimpico. Ora bisognerà che la Roma torni ad essere la Roma perché domenica ci sarà il Milan poi il Napoli e ancora il.ritorno di Champions, beh per queste tre sfide ci vuole la Roma del primo tempo e non del secondo altrimenti ogni obiettivo è irrangiungibile.

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter