La Roma danza sotto la pioggia e sui resti dell’Hellas Verona: 3-0 facile

Tutto troppo facile per la Roma contro un Hellas davvero mai pericoloso e inconsistente. In gol Radja Nainggolan e Edin Dzeko con una doppietta, splendido rientro di Florenzi ed esordio di Schick e Moreno.

FORMAZIONI:

Roma (4-3-3): Alisson; Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov; Nainggolan, De Rossi, Pellegrini; Under, Dzeko, El Shaarawy. All. Di Francesco.

Hellas Verona (4-3-3): Nicolas; Caceres, Ferrari, Heurtaux, Souprayen; Romulo, Zuculini, Buchel; Bessa, Kean, Valoti. All. Pecchia.

CRONACA:

La Roma di Di Francesco scende in campo con qualche novità di formazione e con il ritorno in campo di Florenzi dopo il doppio grave infortunio che lo ha lasciato fuori dal rettangolo verde per 11 mesi. Il tecnico giallorosso lo ha schierato da terzino che insieme a Fazio rappresentano le due novità sulla linea difensiva romanista. Le altre novità sono Pellegrini a centrocampo mentre Under e El Shaarawy trovano spazio sulla linea degli attaccanti. Anche Pecchia con il suo Verona lascia ancora una volta il suo miglior attaccante in panchina, favorendo appunto il giovane Kean a Pazzini. La gara fin dia primi minuti vede il predominio giallorosso che sotto la pioggia riesce a non concedere nulla ai veneti e cercare di sviluppare il gioco che vuole il tecnico romanista. La Roma crea tanto ma spreca moltissimo, compreso un palo del giovane Under, ma al 22′ Nainggolan realizza il primo gol dei capitolini grazie ad una azione da manuale per l’idea di gioco del proprio allenatore, che con un serie di passaggi di prima si trova a tu per tu con il portiere veronese e lo batte portando in vantaggio la propria squadra. Roma che continua a spingere e al 33′ grazie ad un spunto di Florenzi e seguente cross pennellato sulla testa di Dzeko, il bomber bosniaco non deve far altro che piazzare di testa battendo di fatto il portiere ospite per la seconda volta. Dopo un temporale fortissimo le squadre vanno a riposo con i padroni di casa in vantaggio e un Verona mai pericoloso.
Ripresa che segue la linea del primo tempo con un Verona in balia di se stesso e la Roma che trova tutto facile riuscendo di fatto a gestire il vantaggio e cercando di creare altre palle gol. al 61′ infatti la Roma passa ancora con il suo centravanti che realizza su assist di Kolarov e con una doppietta per lui e il terzo gol della Roma chiude di fatto un match dominato fin dal primo minuto.
Dopo il terzo gol la Roma gestisce il risultato e il Verona prova timidamente a creare qualcosa senza riuscirci. I Veronesi forse pagano un inizio di campionato tosto per il calendario e il morale è sceso e si vede. Ora sta a Pecchia recuperare la sua squadra per giocarsi la salvezza e forse sarebbe il caso di affidarsi al suo centravanti migliore, quale è Pazzini, che essendo un centravanti di esperienza potrebbe in campo dare una mano ai compagni più giovani per ritrovale la giusta fiducia. Dall’altro canto molto bene la Roma ma la fragilità tattica, morale e tecnica degli avversari non si può definire un test attendibile ma l’aver ritrovato un giocatore importante come Florenzi è una notizia molto positiva per Di Francesco che contro il Benevento mercoledì vedremo se la squadra giallorossa darà continuità ai risultati.

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter