Risultati e tabellini dell’XI giornata di Champions League

Risultati e tabellini dell’XI giornata di Champions League

Besiktas Sompo Sigorta-Happy Casa Brindisi 96-67
(24-14, 31-16, 21-21, 20-16)

Besiktas: McKissic 18, Savas 17, Djurisic 15, Akpinar 13, Gotcher 13, Yildizli 12, Geyik 4, Gondur 2, Turgut 2. All. Biyiktay.

Brindisi: Stone 18, Thompson 13, Brown 12, Banks 9, Martin 6, Iannuzzi 5, Gaspardo 4. All. Vitucci.

CRONACA:

A fare la differenza è il primo tempo: il Besiktas è in più in palla, più fluido, più deciso, i turchi vanno sul 14-7, chiudono il primo quarto sul +10 e poi nel secondo periodo salgono in cattedra Savas e Djurisic che bucano a ripetizione la difesa della Happy Casa, senza John Brown in panchina con due falli. Un ottimo Stone da 14 punti con 4 triple non basta, la squadra di Vitucci imbarca acqua e all’intervallo è sotto 55-30. La gara è sostanzialmente chiuso, nella ripresa Brindisi prova a rientrare più di voglia e cuore che non di lucidità, Brown e Thompson sono i più vivi ma la Happy Casa non va mai oltre il -19. Il Besiktas invece amministra, Gotcher, McKissic, Akpinar e Yildizli prendono il posto di Savas e Djurisic sul palcoscenico, e nel finale i turchi dilagano fino al +29, 96-67.

Per il Besiktas ci sono sei uomini in doppia cifra: 18 punti con 5 assist per McKissic e 17 con 8 su 10 al tiro per Savas, i due migliori. Nella Happy Casa ci sono 18 punti di Stone, 13 di Thompson e 12 con 6 rimbalzi e 3 rubate per Brown, praticamente tutti nella ripresa. Pesano tantissimo le 22 palle perse, i 24 falli commessi e il 26 su 61 da due, soprattutto i 96 punti concessi ad una squadra che in media ne fa 77.

Banco di Sardegna Sassari – Polski Cukier Torun 91-71
(26-20, 14-23, 25-17, 26-21)

Sassari: Vitali 20, Jerrells 16, Pierre 16, Gentile 9, Bilan 8, Sorokas 8, Magro 7, Spissu 5, Bucarelli 2. All. Pozzecco.

Torun: Wright 20, Aminu 14, Hornsby 11, Cel 9, Schenk 6, Perka 5, Gruszecki 3, Ratajczak 3. All. Machowski.

CRONACA:

Showtime durato 40’ al PalaSerradimigni e realizzato da un Banco di Sardegna Sassari che centra la qualificazione ai Playoffs di Basketball Champions League con ben 3 turni d’anticipo, complice il netto successo contro il Polski Cukier Torun. Ritmi subito elevatissimi, con Michele Vitali a svolgere il ruolo di prima opzione offensiva dei padroni di casa e Curtis Jerrells a subentrare dalla panchina per tentare di spezzare il ritmo avversario con le solite triple. Il Polski si affida soprattutto al gioco interno di Alade Aminu, ma trova anche buone soluzioni da oltre l’arco dei 6.75, con un Chris Wright nel ruolo di rifinitore, e chiude così in ritardo di sole 6 lunghezze i primi 10’ della sfida. Entrambe le formazioni sbagliano tanto al tiro in apertura di 2° periodo, ma il Banco di Sardegna può sempre contare sulle individualità di Jerrells per rispondere ai 4 punti consecutivi di Aaron Cel e allungare sul +10 a metà frazione, costringendo peraltro coach Machowski al timeout tattico. La vittoria più grande di Sassari è rappresentata dalla capacità della squadra di coach Pozzecco di limitare incredibilmente il miglior attacco della Basketball Champions League a soli 33 punti segnati in metà partita. L’aspetto, se si vuol definire tale, negativo è invece rappresentato dai punti che Wright riesce a trovare in chiusura di 1° tempo per ridurre lo svantaggio dal -14 al -7 con cui gli ospiti vanno al riposo.

Dyshawn Pierre inaugura la ripresa raccattando letteralmente dal cesto della spazzatura un gioco da 3 punti incredibile e poi piazza anche la tripla che gli consente di andare in doppia-doppia quando mancano ancora 16’ al termine dei tempi regolamentari. Lo stesso Pierre continua a essere assoluto protagonista, conquistando rimbalzi, smazzando assist e piazzando l’inchiodata che vale il massimo vantaggio dei padroni di casa a 3’30’’ dal termine del 3° quarto. Sassari piazza un break di 14-0 per inaugurare l’ultima frazione, col solito Pierre in versione all-around player, ma anche con Vitali sugli scudi e Daniele Magro a piazzare canestri importanti. Il Banco di Sardegna dilaga e trova anche punti da parte di Lorenzo Bucarelli, ma è impossibile non dedicare ancora parole per Pierre: il lungo piazza la 2° miglior prova stagionale in Champions League per rimbalzi conquistati e chiude con la quarta doppia-doppia in Europa. Ottime prove anche di Vitali e di Jerrells. Al Polski non bastano i 20 punti di Wright, playmaker peraltro corteggiato in questi giorni dalla Grissin Bon Reggio Emilia.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter