Risultati e tabellini della VII giornata di Eurocup

Risultati e tabellini della VII giornata di Eurocup

Dolomiti Energia Trento-LDLC ASVEL Villeurbanne 79-77
(22-22, 18-18, 19-17, 20-20)

Trento: Hogue 20, Gomes 16, Craft 11, Forray 11, Flaccadori 10, Pascolo 4, Mian 3, Lecthaler 2, Marble 2. All. Buscaglia.

Lyon-Villeurbanne: Bilan 16, Kahudi 15, Slaughter 14, Maledon 10, Lighty 7, Buckner 5, Kalnietis 5, Nelson 5. All. Mitrovic.

CRONACA:

Dopo il primo successo in campionato contro Brescia, la Dolomiti Energia ritrova il sorriso anche in Eurocup grazie alla vittoria casalinga contro l’ASVEL Villeurbane, capolista del girone C, un risultato che permette all’Aquila di restare in corsa per un posto nelle Top 16. Alla BML Group Arena l’avvio di gara è equilibrato, il primo periodo si chiude sul 22-22, poi nel secondo quarto i francesi provano l’allungo sul 39-34 con una bomba di Kahudi ma Trento risponde immediatamente e si va all’intervallo con l’ASVEL in vantaggio 40-38. Nella ripresa la squadra di Buscaglia torna in campo con grande energia, Betinho con due triple ferma un break di Villeurbane, poi sono ancora il portoghese, Hogue e Forray a dare il massimo vantaggio sul +8. L’ASVEL però non resta a guardare e, presa per mano dal talento Maledon, classe 2001, si riporta sotto. Il quarto periodo è una battaglia, Slaughter e l’ex milanese Kalnietis danno il +4 ai francesi sul 72-68 ma Trento non molla, Hogue fa -2 ma poi è costretto ad uscire con un problema alla gamba dopo essere ricaduto sul compagno Betinho. L’arena è col fiato sospeso ma ci pensano Craft e Flaccadori a ridare il sorriso coi canestri dell’allungo decisivo sul 77-73 a 32″ dal termine, margine poi difeso fino alla sirena. La Dolomiti Energia festeggia il secondo successo in Eurocup.

KK Mornar Bar – Fiat Torino 86-83
(20-21, 25-19, 20-20, 21-23)

Mornar Bar: Sané 23, Waller, 18, Koenig 15, Douglas Brown 11, Micovic 5, Rebic 5, Vujosevic 4, Drenovac 3, Lukovic 2. All. Pavicevic.

Torino: Rudd 24, Wilson 17, Poeta 13, Taylor 12, Carr 9, Portannese 6, Anumba 2. All. Brown.

CRONACA:

Settima sconfitta consecutiva per la Fiat, che dice quasi definitivamente addio alle già residuali speranze di qualificarsi alla seconda fase di Eurocup perdendo in Montenegro con il Mornar Bar. Dopo una positiva partenza, pur con tantissime e pesanti assenze, e un primo quarto di grande voglia chiuso avanti 20-21, Torino paga la panchina molto corta nel prosieguo del match. Il Mornar cresce nel secondo parziale, giocando più spesso vicino al ferro e trovando in Sane l’autentico trascinatore, che porta i suoi a +8, ma il gap all’intervallo resta contenuto. Con rotazioni a 7 uomini, Larry Brown raschia il fondo delle energie dei suoi e resta in partita fino alla fine, trovandosi a -2 con 21 secondi da giocare. Il possesso è dei padroni di casa, che vanno in lunetta e fanno 2/2 ma dall’altra parte, dopo il timeout di Brown a 13 secondi dalla fine, Rudd si inventa la tripla del -1. Serve a poco purtroppo, perché Koenig realizza altri due liberi e chiude il match sull’86-83.

Germani Brescia – MoraBanc Andorra 73-79
(19-16, 19-24, 9-22, 26-17)

Brescia: Hamilton 13, Abass 11, Moss 9, Vitali 9, Ceron 8, Sacchetti 8, Allen 7, Beverly 6, Laquintana 2. All. Diana.

MoraBanc Andorra: Jelinek 16, Stevic 16, Vitali 12, Ennis 9, Upshaw 8, Albicy 6, Shurna 6, Diagne 4, Luz 2. All. Navarro.

CRONACA:

Brutto crollo per Brescia, nella serata dell’abbraccio all’amatissimo ex Michele Vitali. La Germani crolla in casa 73-79 contro il MoraBanc Andorra, squadra con cui potrebbe giocarsi la qualificazione alla seconda fase della competizione. Tutte le attenzioni di inizio serata sono per il ritorno di “Vitalino” in città, e proprio l’ex pupillo della curva biancoblu è il miglior uomo della gara nei primi tre quarti, nonostante un impiego ridotto. Con percentuali al tiro vicine al 100%, il bolognese conduce i suoi al +10 di metà terzo periodo, con la Leonessa che non segna per 4 minuti abbondanti. Pessimo l’approccio dei ragazzi di Diana dopo l’intervallo, la squadra paga a caro prezzo il momendo di difficoltà e piomba a -19. Un tentativo di scossa lo portano Ceron e Abass, ma dopo 10 minuti da incubo la Leonessa si affaccia all’ultimo quarto con 15 lunghezze da recuperare. Queste si riducono a 8 quando mancano meno di 3 minuti e il pubblico torna a sognare, anche senza Luca Vitali, finito anzitempo negli spogliatoi dopo antisportivo e tecnico. Sacchetti, dopo aver segnato un canestro impossibile a fine terzo quarto, trova la bomba del -6 e il successivo recupero di Moss comporta il -4 di Hamilton a qualche secondo dal termine. Solo un sussulto però, Andorra sbanca Brescia 73-79 infliggendole la quinta sconfitta europea, lasciandola ultima nel girone A, con ancora tre gare da giocare alla fine della prima fase. Determinante la partita di settimana prossima contro il Galtasaray.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo