Risultati e tabellini della V giornata di Eurocup

Risultati e tabellini della V giornata di Eurocup

Radiopharm Ulm – Germani Basket Brescia 83-82
(24-29, 16-16, 27-18, 16-19)

Ulm: Green 19, Miller 18, Evans 11, Akpinar 7, Fotu 7, Thompson 6, Kramer 5, Reinhardt 5, Gunther 3, Maximilian 2. All. Leibenath.

Brescia: Hamilton 23, Abass 18, Allen 15, Moss 8, Mika 6, Ceron 4, Sacchetti 4, Beverly 2, Laquintana 2. All. Diana.

CRONACA:

Sconfitta amara per la Leonessa che in Germania cade in volata contro Ulm ed incassa la quarta sconfitta in Eurocup. La squadra di coach Diana deve fare a meno di Luca Vitali, infortunato, ma parte bene e tocca anche il +7 nel primo periodo; nel secondo quarto arriva anche il +11 con due liberi di Mika ma poi Radiopharm reagisce, rimonta con Miller e Kraemer, e si va all’intervallo lungo con la Leonessa avanti di appena 5 punti. Nella ripresa c’é più equilibrio ma Abass é ispirato e tiene Brescia avanti, almeno fino che l’ex Trieste Javonte Green infila la bomba della parità sul 57-57, e poi Miller sorpassa con un libero ed un canestro per il +3. Nell’ultimo periodo Ulm scappa fino al +7 e sembra finita ma Jordan Hamilton ha idee diverse, segna due bombe e poi firma il sorpasso correggendo un banale errore di Allen a 20” dalla fine. La Germani accarezza la vittoria ma Reinhardt segna il tiro del sorpasso a 7” dalla sirena e poi la Germani spreca l’ultima chance, con Allen che serve male Hamilton e lo costringe ad una letale palla persa.

Valencia Basket – Dolomiti Energia Trento 87-66
(17-21, 28-16, 17-17, 25-12)

Valencia: Dubljevic 15, Thomas 15, Thomas 14, Van Rossom 11, Abalde 10, San Emeterio 8, Labeyrie 7, Garcia 3, Doornekamp 2, Tobey 2. All. Ponsarnau.

Trento: Hogue 13, Radicevic 9, Forray 8, Gomes 7, Jovanovic 7, Marble 7, Pascolo 7, Flaccadori 6, Mezzanotte 2. All. Buscaglia.

CRONACA:

Prosegue la crisi dell’Aquila Trento che cade a Valencia, leader del girone C, ed incappa nell’ottavo ko consecutivo tra campionato e Eurocup. La squadra di coach Buscaglia parte col piede giusto e nel primo quarto tocca il +6 grazie a Marble, abbastanza ispirato. Nel secondo quarto arriva la prima reazione dei padroni di casa, Van Rossom firma il sorpasso con una tripla, poi segnano ancora Thomas e Garcia e si va al riposo lungo con Trento sotto 45-37 dopo un canestro dall’arco di Dubljevic a 19” dalla fine. Nel terzo periodo Valencia torna in campo con molta più energia e prova subito l’allungo, l’Aquila prova a restare a galla con Marble ed Hogue ma la distanza resta tale: al 30′ gli spagnoli sono ancora a +8. La partita si spezza in avvio di ultimo quarto: break di 14-2 e Valencia che vola a +20 sul 76-56. Da lì non c’é più partita, la Dolomiti Energia alza bandiera bianca e deve purtroppo incassare un altra sconfitta.

Fiat Torino – Unicaja Malaga 104-105
(24-33, 24-29, 27-26, 29-17)

Torino: Wilson 22, Rudd 19, Carr 18, Cotton 14, McAdoo 12, Poeta 8, Cusin 6, Taylor 5. All. Brown.

Malaga: Fernandez 19, Wiltjer 17, Diez 14, Shernadini 14, Roberts 12, Salin 11, Waczynski 9, Lessort 6, Milosavljevic 3. All. Casimiro.

CRONACA:

Niente da fare per la Fiat Torino che perde in casa contro l’Unicaja Malga e resta a zero punti dopo 5 gara della prima fase di Eurocup. Al Palavela la squadra di Paolo Galbiati fatica da subito, soprattutto in difesa, concede tiri comodi agli avversari e Malaga ne approfitta per il +9 del primo quarto. Nel secondo periodo la Fiat cola a picco, sprofonda fino a -19 e si va all’intervallo sul punteggio di 48-62 grazie alla bomba di Tony Carr proprio allo scadere. La musica non cambia nel terzo periodo, con Torino che scende un paio di volte sotto la doppia cifra di svantaggio ma in generale l’Unicaja controlla e all’ultimo riposo é avanti 87-73. Sembra chiusa ed invece, sul -17, la Fiat piazza un clamoroso break di 20-2 firmato Poeta, Cotton e Rudd, chiuso da quest’ultimo col canestro del sorpasso. Da lì é una battaglia punto a punto, Wilson sale in cattedra e segna tre canestri consecutivi per 104-103 a 14” dalla fine ma Malaga ha l’ultima chance con Jaime Fernandez che segna in penetrazione il tiro della vittoria. Cpn 4” sul cronometro Torino avrebbe un’ultima chance ma Carr non riesce nemmeno a costruire una conclusione valida. Per l’Auxilium é una delusione cocente, con la rimonta che non si é concretizzata proprio all’ultimo.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo