Risultati e tabellini della IV giornata di Eurocup

Risultati e tabellini della IV giornata di Eurocup

Promitheas Patrasso-Segafredo Virtus Bologna 78-69
(24-14, 12-24, 17-16, 25-15)

Promitheas: Hall 16, Agravanis 12, Babb 11, Kaselakis 11, Lypovyy 11, Fieler 7, Katsivelis 6, Bogris 4. All. Giatras.

Virtus Bologna: Teodosic 17, Hunter 14, Markovic 11, Weems 11, Gaines 6, Gamble 4, Pajola 2, Ricci 2, Baldi Rossi 2. All. Djordjevic.

CRONACA:

La partita non inizia bene per Bologna: 10-0 per il Promitheas che poi vola anche a +12 sul 20-8 con le triple di Lypovyy e le giocate di Fieler. La Segafredo Virtus si sveglia con l’ingresso di Milos Teodosic che realizza immediatamente 8 punti e chiude il primo periodo sul -10, 24-14. Nel secondo quarto è ancora Milos, con l’aiuto di Markovic, a riportare sotto Bologna, poi Weems impatta con una bomba e Baldi Rossi, su assist di Teodosic, segna il canestro del primo vantaggio Virtus, 38-36, che è anche il punteggio con cui si torna negli spogliatoi per l’intervallo. Nel terzo quarto la Segafredo scappa fino a +5 con un canestro di Gaines ma il Promitheas non cede, risponde e va a +4 con una bomba siderale di Babb. La gara è equilibrata, nell’ultimo quarto è un continuo botta e risposta, poi sale in cattedra Langston Hall che prima segna il +4 e poi mette la tripla del 68-62 che inguaia la Virtus. E’ di fatto il canestro decisivo perchè la squadra di Djordjevic non riuscirà più a segnare, perde palloni in serie e si consola col canestro sulla sirena di Markovic per il -9.

Umana Reyer Venezia-Limoges CSP 93-85
(21-27, 26-21, 27-17, 19-20)

Venezia: Bramos 20, Daye 20, Chappell 15, Watt 13, Vidmar 10, Tonut 4, Cerella 3, Filloy 3, Stone 3, De Nicolao 2. All. De Raffaele.

Limoges: Conklin 26, Christon 15, Ginyard 13, Sanford 9, Invernizzi 6, Lang 6, Mbala 4, Varanauskas 3, Boutsiele 2, Crusol 1. All. Julbe.

CRONACA:

Come detto, la partita cambia volto nella parte centrale del terzo periodo, quando la Reyer rispolvera la sua tradizionale durezza nella propria metacampo: aggiustate le transizioni difensive, strozzate le soluzioni in pick’n’roll centrale sistematicamente sfruttate da un sorprendete Brian Cornklin e serrata la prima linea difensiva sul perimetro, molto ballerina nella prima parte di gara, Venezia mette la museruola a Limoges per oltre cinque minuti, acquisendo contemporaneamente fiducia e fluidità in attacco: ne risulta un parzialone di 20-0 che scaccia la paura e che permette, dopo il 74-65 dell’ultimo periodo, di amministrare senza particolari ansie l’ultima parte di gara.

Dolomiti Energia Trentino-Arka Gdynia 80-91
(19-16, 13-28, 25-27, 23-20)

Trento: Knox 21, Gentile 16, King 11, Blackmon 10, Forray 9, Craft 6, Kelly 4, Mezzanotte 3. All. Brienza.

Gdynia: Emelogu 17, Hammonds 15, Upson 14, Szubarga 12, Woloszyn 11, Moore 9, Hrycaniuk 7, Bostic 6. All. Frasunkiewicz.

CRONACA:

Il match della BLM Group Arena è equilibrato nelle prime fasi, le bombe di King e Blackmon lanciano Trento che alla prima pausa conduce 19-16. Il secondo periodo si apre col canestro del 21-19 di Alessandro Gentile ma da lì la Dolomiti Energia si pianta e si accende Gdynia: i polacchi piazzano un 11-0 con le bombe di Emelogu e vanno avanti 31-21, poi ancora Moore e Szubarga dall’arco danno il +13 agli ospiti. All’intervallo è 43-32 per l’Arka mentre Trento è tenuta a galla da Gentile, 16 punti. Il secondo tempo inizia malissimo per la squadra di Brienza che viene colpita ancora dalle triple di uno scatenato Emelogu e precipita a -23 sul 64-41. Lì arriva una reazione, 10-0 coi canestri di Blackmon, Forray e Mezzanotte, ma all’ultimo riposo il divario resta importante, -14. Nell’ultimo periodo Trento torna a -16, nuovamente risale a -10 grazie a King e Forray, e poi si arriva anche a -9 con due canestri in fila di Knox, ma la rimonta non va oltre e così è Gdynia a festeggiare con pieno merito.

Germani Brescia Leonessa-Darussafaka Tekfen Istanbul 35-61
(5-14, 15-14, 6-16, 9-17)

Brescia: Abass 12, Cain 2, Vitali 2, Lansdowne 3, Sacchetti; Zerini 1, Warner, Laquintana 5, Guariglia 2, Horton 6, Moss 2, Naoni. All. Esposito.

Darussafaka: Browne 5, Hamilton 5, Veyseloglu 2, Lamb 4, Jones 6; Ozmizrak 8, Agva 2, Ozdemiroglu 2, Sav 1, Güler 5, Colson 21, Dora. All.: Selçuk.

CRONACA:

Eppure, nonostante numeri da brividi, c’è partita per tutto il primo tempo, chiuso sul 20-28, e buona parte del terzo quarto, con il Darussafaka a sua volta incapace di sfruttare per molti minuti i vantaggi fisici in avvicinamento e i tanti errori degli avversari: i turchi scrivono una percentuale da due ancor più bassa di Brescia ma piazzano il break con le triple e i tanti viaggi in lunetta conquistati contro una Leonessa fallosissima. Decisiva la continuità di Bonzie Colson, un 4 tattico con tecnica e punti nelle mani: chiuderà a quota 21 con 12 rimbalzi in 25′ dalla panchina. Per Brescia, in una serata in cui steccano tutte le punte offensive, si distingue il solo Awudu Abass, autore di 12 punti con 8 rimbalzi e un paio di schiacciate rabbiose: l’ex-Milano è uno dei pochi a chiudere con una valutazione positiva per una Leonessa che somma uno 0 complessivo di squadra.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter