Risultati e tabellini della II giornata di Champions League

Risultati e tabellini della II giornata di Champions League

Happy Casa Brindisi – Telekom Baskets Bonn 76-75
(27-20, 16-23, 9-13- 24-19)

Brindisi: Banks 31, Stone 13, Martin 8, Thompson 8, Zanelli 8, Radosavljevic 5, Iannuzzi 3. All. Vitucci.

Bonn: Breunig 15, Bartolo 13, McKinney-Jones 9, Saibou 8, Subotic 7, DiLeo 6, Frazier 6, Zimmerman 5, Lischka 3, Simons 3. All. Pach.

CRONACA:

Nei primi possessi Brindisi soffre molto nei tagli avversari dal lato debole e nella costruzione della fase offensiva. Adrian Banks si conferma in un periodo di forma straordinario e infila 11 punti, creando il primo solco tra le due formazioni dopo 7’. Il Telekom Baskets lavora però meglio a rimbalzo, soprattutto offensivo, e rientra parzialmente coi canestri di Trey Mc Kinney Jones, ma in chiusura di frazione subisce un break di 0-4 firmato Kelvin Martin e Darius Thompson, che fissa il nuovo 27-20. Banks ne segna altri 7 in apertura di 2° quarto, ma l’Happy Casa continua a soffrire a rimbalzo e nel contenere i tagli avversari dal lato debole, non riuscendo così ad allungare nel punteggio e, anzi, subendo un break di 0-9 da parte dei tedeschi. I padroni di casa non riescono proprio a contenere l’esuberanza avversaria a rimbalzo offensivo e l’alley-oop concluso da Martin Breunig vale il nuovo vantaggio ospite a 2’ dal termine del 1° tempo, dopo il 4-8 delle prime battute. Capitan Banks si carica nuovamente sulle spalle tutto l’attacco biancoblu, arrivando a 23 punti segnati in soli 16’ giocati nella prima metà di gara e riportando la sfida in parità.

A inizio ripresa le difese salgono d’intensità, mentre gli attacchi si incartano in qualche forzatura di troppo e così le due squadre segnano complessivamente solo 4 punti dal 20’ al 24’. La formazione di coach Vitucci continua a incappare in turnovers consecutivi ed è ancora Banks a dover tenerla a contatto, trovando 3 liberi che valgono il nuovo vantaggio dei padroni di casa a metà periodo. Stephen Zimmerman realizza 5 punti in fila e dà un buon margine al Telekom Baskets, mentre Brindisi non riesce proprio a trovare un’alternativa a Banks da oltre l’arco dei 6.75. Anche Bonn non tira bene da 3, ma coi lunghi fa la differenza nel pitturato, pur sbagliando anche molto a cronometro fermo. In apertura di ultimo quarto gli ospiti trovano il massimo vantaggio, ma nel momento di maggiore difficoltà dei suoi è Alessandro Zanelli, con 8 punti consecutivi, a ribaltare la sfida; Stone allunga il break a 12-0 e costringe coach Pach al timeout per evitare danni ben peggiori quando mancano 6’ al termine. Yorman Polas Bartolo mantiene a contatto la formazione tedesca, realizzando 9 punti in fila e caricando di falli gli esterni di casa. L’Happy Casa soffre, ma trova in Kelvin Martin il giocatore capace di riportarla in vantaggio a 11’ dalla sirena. Breunig restituisce però il favore e realizza dopo un gran movimento spalle a canestro e tocca allora a Tyler Stone garantire il successo casalingo, correggendo in tap-in volante l’errore di Martin proprio sulla sirena. Sontuosa prova di Banks, ma ottime prove anche di Stone e Zanelli, specie nell’ultima frazione di gioco: 8 punti a testa e canestro della vittoria, come già ricordato, per il lungo.ù

Türk Telekom – Banco di Sardegna Sassari 64 – 56
(21-13, 17-13, 9-18, 17-12)

Turk Telecom: Hunter 14, Campbell 12, Wiltjer 12, Fall 10, Baygul 5, Guven 4, Turen 3, Edge 2, Johnson 2. All. Goren.

Sassari: Evans 18, Pierre 13, McLean 9, Bilan 4, Gentile 4, Spissu 3, Vitali 3, Jerrells 2. All. Pozzecco.

CRONACA:

L’inizio della sfida è caratterizzato dai molti errori al tiro di entrambe le formazioni. Sassari lavora però meglio a rimbalzo offensivo e Dyshawn Pierre si conferma uomo-cardine dell’attacco biancoblu. Le bombe di T.J. Campbell e R.J. Hunter permettono ai padroni di casa di trovare un primo, seppur minimo, allungo, costringendo coach Pozzecco a spendere un timeout per evitare danni peggiori. Moustapha Fall piazza un break personale di 6-0, con 3 grandi movimenti nel pitturato, e permette al Türk Telekom di riallungare sul +8 con cui si chiude il 1° quarto, complice anche il pessimo 6/23 al tiro degli ospiti. Le difficoltà offensive del Banco di Sardegna proseguono anche dal 10’ al 15’ di gioco, con soli 6 punti realizzati in quell’intervallo di gara e un incredibile 4/15 su azione che vanifica il costante ottimo lavoro a rimbalzo offensivo. I canestri di un incontenibile Hunter spingono la formazione di coach Goren al +15, svantaggio che Sassari non può ridurre più di tanto in chiusura di 1° tempo, anche e soprattutto a causa di un inatteso 1/16 di squadra dall’arco dei 6.75.

Pierre apre la ripresa con 2 bombe consecutive che, insieme agli errori dei padroni di casa, riportano la Dinamo a -6. Il Türk Telekom non segna per i primi 7’ del 2° tempo e subisce contestualmente un parziale di 0-16 che riapre totalmente la sfida e ridà il vantaggio ai biancoblu. A interrompere l’emorragia offensiva dei padroni di casa ci pensa la provvidenziale tripla di Kyle Wiltjer, seguito a ruota da Campbell per un 5-0 turco in 3 possessi. Il parziale per la formazione di coach Goren si allunga fino al 9-2 e garantisce un minimo vantaggio in chiusura di 3° quarto. Dwayne Evans è scatenato nei primi possessi dell’ultima frazione e realizza 5 punti in fila per ribaltare nuovamente il punteggio. Il Türk Telekom risponde però con un break di 11-0, sfruttando soprattutto i nuovi errori avversari dall’arco e le giocate degli esterni, e ritrova un buon margine di vantaggio a 3’ dal termine dei regolamentari. Sassari sembra spegnersi nuovamente in fase offensiva e la tripla di Marco Spissu arriva quando è ormai troppo tardi e l’Ankara Arena è già festante. Al Banco di Sardegna non bastano i 18 punti di Evans. Pesano, in negativo, le percentuali al tiro: 31% da 2, 21% da 3.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter