Il Real Madrid distrugge i sogni del Napoli: é 1-3

Real Madrid ai quartio di finale. Uno splendido primo tempo del Napoli, viene cancellato dalla doppietta di Sergio Ramos ad in inizio ripresa. Sull’ 1-0 per il Napoli pali di Ronaldo e Dries Mertens. Nel recupero del secondo tempo gol finale di Alvaro Morata, entrato da poco.

FORMAZIONI:

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Diawara, Hamsik; Callejon, Mertens, Insigne. All. Sarri.

Real Madrid (4-4-3): Navas; Carvajal, Pepe, Ramos, Marcelo; Modric, Casemiro, Kroos; Bale, Benzema, Ronaldo. All. Zidane.

CRONACA:

Il Napoli arriva al San Paolo per disputare una partita importantissima e molto difficile contro il Real Madrid che, in Champions League, è abituato a non fallire. La squadra di Sarri cerca di rimontare il 3 a 1 subito in casa delle Merengues, ma non sarà un’impresa facile, anzi.
La squadra di Sarri è spinta da un San Paolo tutto esaurito e, in effetti, lo Stadio è l’arma in più a disposizione dei partenopei. Il Napoli inizia subito a pressare alto, costringendo il Real Madrid a rintanarsi in difesa. Pressing alto e azioni veloci: questo è il diktat imposto da Maurizio Sarri.
Ed effettivamente, questo modo di giocare paga. Al minuto numero 24 è il solito Mertens che buca la porta del Real Madrid. 1 a 0 e San Paolo in festa. L’impresa non sembra più essereun’impresa. Qualche minuto dopo, addirittura il Napoli sfiora il raddoppio.
Il primo tempo si conclude con il Napoli in vantaggio e un Real MAdrid irriconoscibile.
Il secondo tempo, invece, è un’altra storia. Le Merengues strigliate da Zidane diventano più aggressivi e, nel giro di un quarto d’ora ribaltano il risultato. Al 54 esimo e al 57 esimo minuto, infatti Sergio Ramos punisce una difesa del Napoli impreparata. Partita chiusa.
Da qui in poi i partenopei cercano una reazione, ma senza incidere e al minuto numero 90 Mortara sigilla la partita sul 3 a 1.

Il Napoli è così costretto ad abbandonare la competizione più importante, ma lo fa a testa a alta e avendo dimostrato di essere una squadra all’altezza del Real Madrid. Un’uscita senza rimpianti. I tifosi partenopei devono essere contenti della prestazione della loro squadra del cuore.

About the Author

Stefano Chiurato
Sono Stefano, nato a Torino il 5 luglio 1993. Mi sono diplomato nel 2012 presso il Liceo Scientifico Valsalice e a settembre 2015 mi sono Laureato in Economia e Direzione delle Imprese presso la Scuola di Management ed Economia di Torino. Sono un tifoso juventino e seguo attivamente il calcio e ho deciso di intraprendere questa avventura presso il "blog dello sportivo"

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter