Poker dell’Inter a Cagliari: 5-1

L’Inter torna alla vittoria: Ivan Perisic firma una doppietta, Ever Banega, Mauro Icardi e Roberto Gagliardini gli altri gol dell’Inter. Inutile per il Cagliari il gol di Marco Borriello, che ha fine primo tempo sembra riaprire una gara quasi mai in discussione.

FORMAZIONI:

Cagliari (3-5-1-1): Gabriel; Pisacane, Alves, Capuano; Isla, Ionita, Di Gennaro, Barella, Padoin; Joao Pedro; Borriello. All. Rastelli.

Inter (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, Medel, Miranda, Ansaldi; Gagliardini, Kondogbia; Candreva, Banega, Perisic; Icardi. All. Pioli.

CRONACA:

L’avvio del Cagliari è veemente, tanto da costringere l’Inter a difendersi per poi ripartire: imbucata perfetta per Joao Pedro che supera Handanovic con un pallonetto, decisivo Medel ad allontanare il pallone in rovesciata poco prima della linea di porta. I nerazzurri provano a scuotersi con Kondogbia, il cui tiro è però impreciso: il francese sfiora la rete del vantaggio con un colpo di testa che per poco non beffa Gabriel, il quale smanaccia la sfera che va a colpire la traversa. Per sbloccare il match serve la giocata di un singolo che arriva puntuale al minuto 34: pallone perfetto di Banega che trova Perisic, bravo a sua volta ad agganciarlo e a depositarlo alle spalle di Gabriel. Il trequartista argentino è ispiratissimo, tanto da trovare anche la rete personale su calcio di punizione che beffa l’estremo difensore cagliaritano, apparso in ritardo nell’occasione. Il Cagliari non ci sta e si riversa in avanti alla ricerca del goal che riaprirebbe la gara: Handanovic respinge sulla linea un calcio di punizione di Di Gennaro, sul proseguimento dell’azione è Borriello che incorna di testa la sfera, senza lasciare scampo al portiere sloveno che stavolta deve arrendersi.

All’Inter basta un solo minuto della ripresa per trovare la terza rete: assistenza di Icardi per Perisic che, col destro, fulmina per la seconda volta un incolpevole Gabriel. Il Cagliari smette di giocare o quasi, il che rende tutto facile per i nerazzurri: gran volo di Gabriel che va a deviare in corner una sventola dai 20 metri di D’Ambrosio, più comoda invece la presa dopo il colpo di testa ravvicinato di Miranda. Gli ospiti spingono per chiudere definitivamente il match e riescono nel loro intento: imbucata per Icardi che viene abbattuto da Gabriel, per l’arbitro Lo Bello è rigore che lo stesso argentino trasforma, ritrovando quella rete in trasferta che mancava da ormai troppo tempo. Pioli concede il meritato riposo a Perisic e Banega: al loro posto entrano rispettivamente Eder e Joao Mario. Rastelli si gioca la carta Ibarbo ma è l’Inter ad andare comunque vicina alla quinta rete: botta potentissima di Icardi dall’interno dell’area che quasi spezza la traversa a Gabriel praticamente battuto. I sardi provano a creare qualche difficoltà agli avversari con Ibarbo, il cui diagonale non impensierisce però minimamente un attento Handanovic. Poco prima del 90′ arriva anche il sigillo finale di Gagliardini che trova la sua prima rete in Serie A con un tiro dalla distanza.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter