Playoff – Finale – Gara 3

Playoff – Finale – Gara 3

Banco di Sardegna Sassari – Umana Reyer Venezia 73-76
(16-19, 16-20, 14-20, 27-17)

Sassari: Thomas 17, Pierre 15, Gentile 10, Polonara 10, Smith 7, Cooley 6, Spissu 5, McGee 3. All. Pozzecco.

Venezia: Daye 22, Tonut 10, Haynes 9, Stone 9, Watt 9, Bramos 8, De Nicolao 6, Giuri 3. All. De Raffaele.

CRONACA:

Bramos inaugura la sfida col primo canestro, ma nel volgere di pochi possessi é già gravato di 2 falli; gli orogranata lavorano meglio a rimbalzo, soprattutto offensivo, ma non riescono a tramutare le seconde chances in punti e al 5′ il punteggio é insolitamente basso. Nel 1° periodo colpiscono soprattutto i dati relativi agli assist delle 2 formazioni, ma nonostante tale statistica le individualità di Pierre e Thomas garantiscono punti ai biancoblu, mentre quelle di Daye ed Haynes trascinano gli ospiti sul 16-19 al termine della frazione. Tonut é protagonista del parziale di 0-5 con cui l’Umana Reyer apre il 2° quarto, sfruttando anche le difficoltà avversarie nell’attaccare la difesa a zona di coach De Raffaele; le triple degli esterni di coach Pozzecco riaprono però la sfida, costringendo la panchina orogranata al timeout. La fase offensiva di Venezia é però qualitativamente superiore e beneficia degli 1vs1 in post basso di Daye, mentre Sassari sbaglia troppo al tiro e ritorna a -11 a 3′ dal termine della prima metà di gara. Nel tempo restante prima dell’intervallo si rinnova il duello tra Thomas e Daye, ma il Banco di Sardegna paga fin troppo il 10/32 complessivo al tiro e riesce solo parzialmente ad accorciare le distanze. I padroni di casa cominciano bene la ripresa e rientrano fino al -2, mentre gli ospiti pagano i problemi di falli; le 2 bombe consecutive di Tonut e Bramos fruttano un contro-parziale ed il nuovo +8 orogranata, costringendo Pozzecco al timeout. Sono ancora le triple a permettere a Venezia di riallungare e di minare le certezze difensive di una Sassari che s’aggrappa a Polonara, ma che é costretta a chiudere sotto di 13 lunghezze il 3° quarto. De Nicolao trova ritmo da oltre l’arco dei 6.75, ma Polonara ed i liberi degli esterni permettono ai biancoblu di non pagare ulteriormente il dazio e di tenere vivissima la sfida a 7′ dalla sirena finale. Watt non fa in tempo a rientrare sul parquet che spende subito il suo 5° fallo spingendo a rimbalzo Thomas, mentre quest’ultimo piazza 4 punti in fila, che valgono il -4 e coronano un parziale complessivo di 15-5. L’Umana Reyer é in crisi assoluta e Pierre trova il pareggio a quota 64 con 2 grandi azioni individuali a metà ultima frazione. Tocca allora a Daye chiudere il parziale avversario di 14-0 e salire in cattedra con la tripla del nuovo +7 per gli orogranata a 3′ dal termine. Sassari é però immortale e ne ha ancora per rimettere la sfida in perfetta parità con Gentile e Polonara sugli scudi. Daye si erge nuovamente a salvatore della patria orogranata con un’altra grande tripla e con un 2/2 a cronometro fermo che valgono sostanzialmente il successo, perché nei possessi successivi i padroni di casa non riescono a trovare una nuova parità.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter