Playoff – finale – Gara 1

Playoff – finale – Gara 1

Umana Reyer Venezia – Banco di Sardegna Sassari 72-70
(18-14, 11-23, 25-15, 18-18)

Venezia: Haynes 15, Watt 14, Tonut 11, Bramos 8, Daye 8, De Nicolao 6, Cerella 3, Mazzola 3, Stone 3, Vidmar 1. All. De Raffaele.

Sassari: McGee 19, Thomas 13, Cooley 12, Carter 7, Gentile 6, Polonara 6, Pierre 4, Smith 3. All. Pozzecco.

CRONACA:

Le due formazioni cominciano la sfida in modo contratto, specialmente in fase offensiva: i padroni di casa sbagliano molto al tiro fino a metà 1° quarto, ma lavorano bene a rimbalzo offensivo, specie con gli esterni, e rimangono così a contatto nonostante le giocate di Cooley nel pitturato. Gli ingressi di Daye e di Tonut, inizialmente tenuti in panchina da coach De Raffaele, spostano decisamente gli equilibri e consentono agli orogranata di allungare, nonostante i 5 punti in fila di McGee, sul 18-14 con cui si chiudono i primi 10’, al netto di percentuali al tiro non certo esaltanti. Il Banco di Sardegna inaugura il 2° periodo con un break di 2-7, sfruttando soprattutto un McGee ritrovato e il solito Thomas, ed è proprio quest’ultimo, autore di 7 punti tra 10’ e 14’, a costringere la panchina dell’Umana Reyer a ricorrere al timeout sul 22-25 in favore dei biancoblu. Sassari subisce l’aggressività difensiva degli avversari e, complice il fallo tecnico fischiato a coach Pozzecco e qualche persa di troppo, dilapida il minimo vantaggio, consentendo così a De Nicolao di impattare a quota 29 quando mancano 2’ alla fine del 1° tempo. Le difficoltà degli orogranata sono testimoniate soprattutto dallo 0 di valutazione di squadra del 2° quarto, mentre McGee e Cooley permettono agli ospiti di trovare un break di 0-8 che vale anche il +8 con cui andare all’intervallo lungo. In apertura di ripresa Sassari trova il +12, sfruttando soprattutto le doti fisiche della coppia Cooley-Thomas, ma i padroni di casa rispondono quantomeno coi canestri di Bramos e Mazzola. Haynes prova a dare la scossa con 5 punti consecutivi, ma l’Umana Reyer sbaglia troppo a cronometro fermo; ciononostante Tonut e Watt propiziano un parziale importante, che permette alla formazione di coach De Raffaele di rientrare completamente in partita e di chiudere in vantaggio a fine 3° quarto grazie a un sontuoso Daye. McGee ne piazza 7 in fila per dare il via all’ultima frazione, riportando così il Banco di Sardegna in vantaggio a 7’ dal termine; Haynes trova ritmo e fiducia al tiro proprio nel momento di maggior difficoltà di Venezia e rimette la partita in parità a quota 60 a metà frazione. Sassari sbaglia moltissimo dalla lunetta, mentre Haynes piazza la bomba del provvisorio +5 orogranata a 3’ dal termine. Gentile sceglie il momento migliore per trovare i suoi primi canestri su azione, piazzando 5 punti consecutivi e rimettendo il match in parità a 90’’ dalla sirena; Stone fa lo stesso e piazza la bomba del nuovo +3 quando mancano 46’’, mentre gli ospiti sbagliano 2 volte in fila il potenziale canestro del pareggio.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter