Philippe Gilbert esulta a Guadalajara

32 corridori in fuga, tra questi anche Nairo Quintana che guadagna ben 5’19” sui rivali di classifica, portandosi addirittura al 2° posto della generale

È la tappa più lunga della Vuelta: una frazione senza neanche un GPM, ma parte subito una fuga con 32 corridori che vede tra i protagonisti anche Nairo Quintana. Il colombiano parte all’attacco con i compagni di squadra Erviti, Rojas e Nélson Oliveira; nella fuga anche Wilco Kelderman e James Knox che provano a rientrare in classifica. Davanti anche i due favoriti per le volate Fabio Jakobsen e Sam Bennett che non si sono fatti sorprendere dagli attacchi iniziali. Dietro la Jumbo Visma di Roglic che deve limitare i danni, aiutata anche dall’Astana di Miguel Ángel López. Al traguardo volante di Atienza è Sam Bennett ad imporsi, con Kelderman che prende 2’’ di abbuono, cosa che non riesce a fare Quintana.

A Jadraque c’è un’asperità, non contata come GPM, ma è una salita vera: Jakobsen si stacca dal gruppo di testa che viaggia a più di 50 km/h, con Quintana che mette alla frusta i suoi compagni di squadra per guadagnare il più possibile in classifica. Anche dietro la Movistar fa il forcing con Pedrero e Soler, per eliminare i gregari di Roglic e Pogacar che restano subito isolati. Solo l’Astana di Miguel Ángel López resta compatta con Luis León Sánchez e Gorka Izagirre richiamati dalla fuga per fiancheggiare il proprio capitano. Dopo il lavoro della Movistar, risponde l’Astana che prova ad azionare un ventaglio insieme alla Bora. Valverde non si lascia sorprendere, mentre Roglic e Pogacar provano a darsi una mano tra di loro.

Nonostante il grande lavoro dell’Astana, il gruppo di testa mantiene sempre 5 minuti di vantaggio con Quintana che si sfrega le mani per il salto in classifica. A lavorare con i Movistar c’è infatti anche la Sunweb, con Kelderman che cerca la top 5 della generale. Ai -2,2 km dall’arrivo cominciano le scaramucce per la vittoria di tappa: il primo a partire è Stybar della Quick Step, ai 600 metri ecco che arriva Sam Bennett ma l’irlandese, già vincitore di due tappe, viene sverniciato da Gilbert che arriva solo al traguardo. A 10’’ Quintana che guadagna però 5’19’’ sui rivali di classifica portandosi al 2° posto della generale. Kelderman sale in 6a posizione, Knox in 8a.

ORDINE D’ARRIVO:
1. Philippe Gilbert Deceuninck-Quick step 4:20.15
2. Sam Bennett Bora-Hansgrohe +0.02
3. Remi Cavagna Deceuninck-Quick Step +0.02
4. Dylan Teuns Bahrain Merida Pro CT +0.02
5. Wilco Kelderman Team Sunweb +0.02
6. Jonas Koch CCC Team +0.02
7. Lawson Craddock Ef Education First +0.02
8. Tim Declercq Deceuninck-Quick Step +0.02
9. Silvan Dillier AG2R La Mondiale +0.02
10. James Knox Deceuninck-Quick Step +0.06

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter