Olimpiadi Scherma pronti a portare tante medaglie con il Fioretto, ma attenzione a Rossella Fiamingo nella Spada e al grandissimo Aldo Montano nella sciabola

La scherma è sempre stato lo sport di punta per l’Italia alle Olimpiadi e vincendo tantissime medaglie, infatti nelle ultime tre edizione delle Olimpiadi gli azzurri sono riusciti  a salire sul podio per ben sette volte, sembra difficilmente ripetibile, in ogni caso a Rio un bilancio finale di cinque piazzamenti sul podio sarebbe un ottimo risultato.

Una speranza meno ricca  rispetto al passato dovuto principalmente a due fattori, il primo fra tutti la mancanza della prova a squadre del fioretto femminile e della sciabola maschile che tolgono due medaglie sicure e secondo fattore una crescita del livello globale della scherma con l’Europa che non recita più un ruolo di assoluta dominatrice sul resto del mondo, in ogni caso tanti saranno i protagonisti assoluti in tutte e tre le competizioni.

FIORETTO

Arianna Errigo ed Elisa Di Francisca, sono sempre  loro dopo quattro anni le punte di diamante dell’intera spedizione azzurra. La previsione di ripetere una finale tutta italiana e’ più che probabili ma dipenderà, dalla composizione del tabellone, infatti la  Errigo è numero uno, mentre la  Di Francisca è numero sei e dunque all’orizzonte ci potrebbe essere l’incubo di un quarto di finale tutto italiano.
Al maschile le certezze maggiori sono rivolte alla prova a squadre, dove gli azzurri sono campioni olimpici e mondiali in carica, il quartetto Cassarà, Garozzo, Avola, Baldini è una certezza ed in ogni caso una medaglia arriverà di sicuro, mentre a livello individuale ci vuole un vero e proprio exploit di qualcuno, anche perché in stagione non è arrivata neanche una vittoria coppa del mondo.

SPADA

l’Italia si affida a  Rossella Fiamingo che aprirà,  il programma olimpico e dalla due volte Campionessa del Mondo ci si aspetta  un piazzamento sul podio, sara’ l’occasione per la Fiamingo per la definitiva consacrazione forte anche di una freddezza nei momenti decisivi veramente fuori dal comune.

La Squadra femminile di Spada invece ha fallito la qualificazione.

Mentre il quartetto maschile con gli azzurri che si sono ampiamente meritati la partecipazione all’Olimpiade con una serie di ottimi risultati ed ora possono puntare tranquillamente al podio.

Enrico Garozzo e’ la punta di diamante della squadra azzurra di spada e punta decisamente ad una medaglia anche nella gara individuale in virtù del n. 2 nella classifica mondiale.

SCIABOLA

Aldo Montano e’ una garanzia per puntare ad una medaglia come cigliegina sulla torta di una carriera incredibile. Il livornese ha vinto due volte in Coppa del Mondo quest’anno e a qualificazione assicurata ha deciso di operarsi alla spalla saltando tutti i restanti appuntamenti. In Brasile Aldo dice che sara’ la sua ultima Olimpiade e questa potrebbe essere l’occasione giusta per fissare definitivamente il suo nome nella leggenda dello sport italiano, oltre a Montano  ci sarà anche Diego Occhiuzzi, autore di una stagione in chiaroscuro, ma pur sempre medaglia d’argento a Londra 2012, però appare molto complicato ripetersi per lui.
Speranze di medaglia che si avvicinano allo zero o che sono praticamente nulle per il settore femminile, con Rossella Gregorio ed Irene Vecchi che sperano di essere delle sorprese, ma ci vorrebbe  davvero la gara della vita.

Quindi pronti a festeggiare ancora una volta le vittorie della scherma come sempre.

About the Author

Andrea Schiavina
Nato a Bologna il 19/06/1965 titolo di studio Geometra, sport praticati a livello agonistico Nuoto, Pallanuoto, Football americano e Tennis. Appassionato di sport in genere, sono osservatore di calcio professionista, collaboro con Radio Nettuno, Abito a grizzana Morandi in provincia di Bologna sposato

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter