Il Napoli vince da grande: 3-1 in rimonta all’Atalanta

Per 50 minuti l’Atalanta mette in scacco il Napoli, che però poi esce alla distanza per via anche di una superiore condizione fisica. Vantaggio atalantino firmato Bryan Cristante, poi nella ripresa Piotr Zieliński, Dries Mertens e Marko Rog firmano i 3 gol che regalano la rimonta al Napoli e i 3 punti.

FORMAZIONI:

Napoli (4-3-3): Reina; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Zielinski, Jorginho, Hamsik; Callejon, Mertens, Insigne. All. Sarri.

Atalanta (3-4-1-2): Berisha; Toloi, Palomino, Masiello; Hateboer, Cristante, Freuler, Gosens; Ilicic; Petagna, Gomez. All. Gasperini.

CRONACA:
Sin dai primi minuti di gara sembra andare in onda la replica dell’ultimo precedente tra Napoli e Atalanta al San Paolo. Padroni di casa insolitamente brutti e imprecisi, irretiti dalle caratteristiche dell’undici di Gasperini: organizzato, solido, perfetto nel chiudere gli spazi e oscurare i corridoi di passaggio di cui il Napoli si nutre. E proprio come lo scorso anno, l’Atalanta sblocca il punteggio sugli sviluppi di un calcio d’angolo: dopo un episodio dubbio vivisezionato con il supproto del VAR, è Cristante a svettare più in alto di tutti portando avanti i suoi. Un colpo che il Napoli incassa e patisce, faticando a riproporre il classico spartito. Il predominio territoriale è tutto degli azzurri, con la Dea arroccata nella propria trequarti, ma dalle parti di Berisha si registra solo qualche situazione concitata più che vere occasioni da goal. E’ anzi l’Atalanta a sfiorare il raddoppio in un paio di circostanze, chiamando in causa Reina con Ilicic e Hateboer.

Il Napoli rientra in campo per la ripresa spento così come aveva chiuso il primo tempo. Serve una scintilla per riaccendere la luce sugli azzurri, quella che nasce dai piedi di Zielinski al 56′: meraviglioso il destro al volo con cui il polacco rimette in piedi la partita e rivitalizza il San Paolo. E’ subito un altro Napoli, rigenerato dal goal e dall’ingresso in campo di Allan per un Hamsik lontano dai suoi standard. E’ proprio il brasiliano ad innescare l’azione del raddoppio, firmato da Mertens appena cinque minuti dopo la rete del pari. Uno uno-due terrificante, che stende l’Atalanta e consente agli uomini di Sarri di gestire senza troppi affanni il punteggio, regalando al San Paolo anche la ciliegina della prima rete italiana di Marko Rog. Il giusto premio dopo le sofferenze causate dall’Atalanta e i suoi fantasmi.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter