Il Napoli si riprende il 2° posto: Torino steso 1-2

Il Napoli di Sarri ha un solo obiettivo questa sera: espugnare il campo granata per rispondere alla Roma e consolidare ulteriormente il 2 posto in classifica, che vorrebbe dire accesso diretto (senza preliminari) alla prossima UEFA Champions League.

Formazioni ufficiali: Torino – Napoli

TORINO (3-5-2): Padelli, Bovo, Jansson, Silva, Zappacosta, Benassi, Vives, Acquah, Peres, Martinez, Belotti. All. Ventura.

NAPOLI (4-3-3): Reina, Hysaj, Koulibaly, Albiol, Ghoulam, Allan, Jorginho, Hamsik, Callejon, Higuain, Insigne. All. Sarri.

Cronaca della partita:

Gli azzurri partono forte, ma il primo brivido è granata: al 12esimo, infatti, Belotti scatta e, dopo un assist al bacio di Zappacosta, insacca ma in fuorigioco. Capovolgimento di fronte, con un contropiede fulmineo di Hamsik che pesca il pipita Higuain  con i tempi giusti: controllo, stop e diagonale “chirurgico”. 1 a 0 per gli ospiti che, a tutti gli effetti, risultano essere letali sulle ripartenze. I partenopei, non soddisfatti del vantaggio, continuano a spingere per incrementare ulteriormente il proprio vantaggio. Al 20′, Jorginho pesca Hamsik che la cede immediatamente a Callejon, il quale fa un tap – in facile per il 2  a 0. Dopo nemmeno metà del primo tempo, la partita senbra già essere decisa, tant’è che già al 23′ Higuain si divora la palla del possibile 3 a 0. Da questo momento sino al minuto numero 45 non ci sono particolari emozioni. Le squadre vanno a riposo sul punteggio di 2 a 0 in favore del Napoli.

Il secondo tempo inizia sulla falsa riga del primo: Napoli che gestisce cercando di addormentare la partita e Torino che cerca di riaprirla. Dopo tanti e svariati tentativi, al 21’Bruno Peres sorprende con un pallonetto degno di nota Reina. 2 a 1, partita emozionate ma, soprattutto, riaperta. I minuti passano e l’intensità di gioco giustamente Il Napoli di Sarri ha un solo obiettivo questa sera: espugnare il campo granata per rispondere alla Roma e consolidare ulteriormente il 2 posto in classifica, che vorrebbe dire accesso diretto (senza preliminari) alla prossima UEFA Champions League, con i partenopei che cercano di controllare il match. Ma negli ultimi istanti, il “vecchio cuore granata” si fa sentire, anche se però senza successo. Al 47′ viene anche espulso Vives per somma di ammonizioni.

Finisce così: 2 a 1 per il Napoli che, ormai, ha sempre più possibilità di entrare direttamente in Champion League il prossimo anno.

About the Author

Stefano Chiurato
Sono Stefano, nato a Torino il 5 luglio 1993. Mi sono diplomato nel 2012 presso il Liceo Scientifico Valsalice e a settembre 2015 mi sono Laureato in Economia e Direzione delle Imprese presso la Scuola di Management ed Economia di Torino. Sono un tifoso juventino e seguo attivamente il calcio e ho deciso di intraprendere questa avventura presso il "blog dello sportivo"

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter