Il Napoli non si ferma più.

Il Napoli di Sarri passa a Roma grazie a Higuain e Callejon

FORMAZIONI LAZIO-NAPOLI

Lazio (4-3-3): Marchetti; Basta, Mauricio, Hoedt, Konko; Onazi, Parolo, Lulic; Candreva, Klose, F. Anderson.
A disp.: Berisha, Guerrieri, Gentiletti, Patric, Mauri, Keita, Murgia, Djordjevic. All.: Pioli
Squalificati: Matri (2), Cataldi (1), Milinkovic-Savic (1)

Indisponibili: De Vrij, Kishna, Biglia, Radu, Bisevac, Morrison

Napoli (4-3-3): Reina; Maggio, Albiol, Koulibaly, Strinic;Lopez, Jorginho, Hamsik; Callejon, Higuain, Insigne.
A disp.: Gabriel, Rafael, Ghoulam, Regini, Chiriches, Luperto, Chalobah, Valdifiori, El Kaddouri, Mertens, Gabbiadini. All.: Sarri
Squalificati: Hysaj (1), Allan (1)
Indisponibili: Grassi
Cronaca della partita:
Il Napoli si presenta all’Olimpico di Roma per confermare ulteriormente la propria posizione in classifica e per continuare a sognare un titolo che, giornata dopo giornata, diventa sempre più possibile conquistare.
La partita inizia subito forte, con “scintille” da entrambe le parti. Al 4′ , Felipe Anderson scappa sulla sinistra cercando un buon corridoio per Klose che, però, viene chiuso da un buon intervento di Koulibaly che, due minuti più tardi, fa una chiusura monumentale su Candreva ripartendo immediatamente in velocità.
La partita promette spettacolo e infatti le aspettative non vengono tradite. Al 19′ Higuain cerca l’imbucata per Callejon ma trova un attento Konko a fare la guardia. Al 24′, il Pipita riesce a fare ciò che gli viene meglio: fare goal. Triangolo Jorginho – Callejon – Higuain con quest’ultimo che tira una prima volta ma che trova una risposta attenta di Marchetti ma che, sul rimpallo, punisce il portiere biancoceleste. 1 a 0 Napoli.
Tre minuti dopo, la formazione di Sarri chiude definitivamente la partita con un pallonetto perfetto di Callejon. Partenopei avanti 2 a 0 e pubblico di casa ammutolito.
All’intervallo le cose non cambiano, così come nel secondo tempo. La Lazio si fa “sottomettere” e in campo si trova soltanto una squadra: il Napoli. Uno schiacciasassi implacabile che detta le regole del gioco fino alla fine dei minuti regolamentari
Nessuna emozione particolare da segnalare, se non un dominio assoluto in un campionato che fino alla fine vedrà un testa a testa con la Juventus di Massimiliano Allegri, vittoriosa anch’essa 1 a 0 contro il Genoa.

About the Author

Stefano Chiurato
Sono Stefano, nato a Torino il 5 luglio 1993. Mi sono diplomato nel 2012 presso il Liceo Scientifico Valsalice e a settembre 2015 mi sono Laureato in Economia e Direzione delle Imprese presso la Scuola di Management ed Economia di Torino. Sono un tifoso juventino e seguo attivamente il calcio e ho deciso di intraprendere questa avventura presso il "blog dello sportivo"

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter