Napoli-Milano senza vincitori né vinti: 2-2

La squadra dell’ex Gattuso e quella di Pioli si dividono la posta in palio in una gara dalle mille emozioni: vantaggio di Hernandez, rimonta partenopea con Di Lorenzo e Mertens, definitivo pareggio di Kessié su rigore. Nel finale espulso Saelemaekers. Niente sorpasso rossonero al sesto posto

FORMAZIONI:

Napoli (4-3-3): Ospina; Di Lorenzo, Maksimovic, Koulibaly, Rui; Ruiz, Lobotka, Zielinski; Callejon, Mertens, Insigne. All. Gattuso.

Milan (4-2-3-1): Donnarumma; Conti, Kjaer, Romagnoli, Hernandez; Kessié, Bennacer; Paquetà, Calhanoglu, Rebic; Ibrahimovic. All. Pioli.

CRONACA:

Il Napoli parte col piede sull’acceleratore e crea scompiglio tra le maglie della difesa rossonera: Donnarumma si supera su un assolo di Mertens e su Callejon da due passi, ma nel migliore momento degli azzurri a passare è il Milan. Assist di Rebic per il solito – super – Theo Hernandez, che si fa trovare in area e insacca con un sinistro potente sotto porta. Il Napoli non si scompone e torna a schiacciare il Diavolo: Zielinski sfiora il palo con un gran tiro dal limite, poi Donnarumma capitola quando non trattiene una punizione velenosa di Insigne e si fa beffare dal tap-in firmato da Di Lorenzo. La squadra di Gattuso continua a produrre e in chiusura di frazione ha altre due chances – senza fortuna – con Mario Rui e Fabian Ruiz. Ibra inaugura il primo tempo col suo unico squillo calciando debolmente verso Ospina, poi si accende Callejon che prima sciupa il 2-1 e pochi minuti più tardi lo propizia offrendo a Mertens il pallone del vantaggio: il belga calcia di prima intenzione tra le gambe di un Donnarumma non esente da colpe.

Pioli cambia l’attacco togliendo Ibrahimovic – nervoso per il cambio – e Calhanoglu per Leao e Bonaventura: quest’ultimo, guadagna il penalty per fallo di Maksimovic e porta Kessiè dal dischetto spiazzando Ospina per il 2-2. Gattuso rivolta il Napoli nel finale cambiando il tridente e mezzo centrocampo, Saelemaekers rimedia un doppio giallo e lascia il Milan in 10 a 2′ dal termine: gli azzurri ci provano ma il Diavolo tiene, al San Paolo non la spunta nessuno.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter