Napoli, altro tonfo: 2-1 Genoa

Il Genoa non si ferma più: altro successo e 13 punti nelle ultime 5 gare. Contro il Napoli, prestazione cinica e quadrata: la band di Gattuso attacca, il Grifone colpisce in ripartenza con la doppietta del grande ex Pandev, schierato al posto dell’infortunato Shomurodov. A nulla serve il diagonale vincente di Politano al 79′ per gli ospiti, pieni di rimpianti

FORMAZIONI:

Genoa (3-5-2): Perin; Goldaniga, Radovanovic, Criscito; Zappacosta, Strootman, Badelj, Zajc, Czyborra; Pandev, Destro. All. Ballardini.

Napoli (4-3-3): Ospina; Di Lorenzo, Manolas, Maksimovic, Rui; Elmas, Demme, Zielinski; Politano, Petagna, Lozano. All. Gattuso.

CRONACA:

Inizio shock per il Napoli in quel di Marassi, con le fatiche della Coppa Italia contro l’Atalanta che si palesano in campo contro un Genoa che va a mille all’ora. La squadra di Ballardini imbriglia nella sua difesa l’attacco del Napoli e quando parte palla al piede, è impossibile da rincorrere. All’11’ Maksimovic sbaglia un passaggio in uscita, Badelj si avventa sul pallone e serve un filtrante d’oro a Pandev, che prende tempo e poi batte Ospina con uno dei suoi mancini. L’ex di turno non esulta, alza solo le braccia al cielo ma non è finita qui, la serata è lunga per la difesa del Napoli contro il macedone di 37 anni. Al 26′ il Genoa imbastisce una manovra da grandissima squadra, con 21 passaggi ipnotici che mandano in bambola la difesa partenopea, fino al momento in cui Zajc mette suoi piedi di Pandev il pallone della doppietta. Altra non-esultanza e altro dispiacere rifilato ai suoi ex tifosi.

Il Napoli si scrolla un po’ di paura, comincia a creare qualche occasione: prima con la traversa colpita di testa da Petagna, poi con una serie di parate di Perin che negano la gioia agli uomini di Gattuso. La difesa del Genoa comincia a schicchiolare, soprattutto dopo gli ingressi in campo di Osimhen e Insigne. Proprio quest’ultimo a 15 minuti dalla fine trova uno sfortunato legno a pochi passi dalla porta, con una girata al volo. E’ solo il preludio però al goal del Napoli, con Politano che sfrutta l’errore del nuovo entrato Portanova, e di sinistro trafigge Perin alla sua maniera. Gli ultimi minuti di partita rappresentano il forcing della squadra di Gattuso, che però non riesce a trovare la stoccata decisiva per il pareggio. Merito soprattutto dell’ordine e della compattezza della squadra di Ballardini.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter