Nans Peters vince a Loudenvielle

Qualcosa si è mosso in questa tappa che vedeva il primo hors catégorie del Tour de France, il Port de Balès, anche se lontano dal traguardo. La fuga arriva in porto con la seconda vittoria in carriera di Peters, ma c’è da segnalare la rimonta di Pogacar che recupera 40” ai migliori. Salta Pinot, gli altri si studiano e Adam Yates difende la maglia gialla

Al km 0 parte subito la fuga con 13 corridori al comando: ci sono Cosnefroy e Peters, Zakarin, Reza e Pacher, Morkov, Powless, Grellier e Cousin, Verona, Skujins, Kragh Andersen e Hermans. C’è quindi la maglia a pois per i punti della classifica scalatori e la fuga prende ben presto oltre 12 minuti di vantaggio sul gruppo maglia gialla.

Cosnefroy passa per primo sul Col de Menté mettendo altri 10 punti in cascina, mentre Cousin prova ad anticipare tutti prima della scalata del Port de Balès, ma il francese viene ripreso ai -45,7 km. Riparte poi un trio composto da Peters, Zakarin e Pacher, anche se il corridore della B/B Hotels viene distanziato dai compagni di fuga. In gruppo comincia a lavorare la Jumbo Visma che aumenta, anche se di poco, l’andatura, ed ecco che Thibaut Pinot si stacca dai migliori. Davanti Peters si prende i punti del Port de Balès e stacca Zakarin in discesa: il russo prova a rientrare sul Col de Peyresourde, ma il corridore dell’AG2R si difende bene e riesce ad arrivare in solitaria al traguardo di Loudenvielle.

Nel gruppo c’è la Jumbo Visma a fare l’andatura con van Aert, Bennett e Dumoulin, ma il primo a rompere gli indugi è Pogacar. Scatti dello sloveno che mette a dura prova gli avversari di classifica, riuscendo ad andare via al terzo tentativo. Il corridore dell’UAE Emirates recupera un minuto, dietro evadono dal gruppo Quintana e Roglic. Poi c’è la discesa e rientrano praticamente tutti: Pogacar recupera 40”, poi il resto della comitiva anche se Quintana e Roglic danno l’impressione di avere qualcosa in più rispetto a Bernal e tutti gli altri.

ORDINE D’ARRIVO:
1. Nans Peters AG2R La Mondiale 4:02.12
2. Tom Skujins Trek-Segafredo +0.47
3. Carlos Verona Movistar Team +0.47
4. Ilnur Zakarin CCC Team +1.09
5. Neilson Powless EF Pro Cycling +1.41
6. Ben Hermans Israel Start-Up Nation +3.42
7. Quentin Pacher Vital Concept-B&B Hotels +3.42
8. Søren Kragh Andersen Team Sunweb +4.04
9. Tadej Pogacar UAE Team Emirates +6.00
10. Romain Bardet AG2R La Mondiale +6.38

CLASSIFICA GENERALE:
1. Adam Yates Mitchelton-Scott 34:44.52
2. Primoz Roglic Team Jumbo-Visma +0.03
3. Guillaume Martin Cofidis +0.09
4. Romain Bardet AG2R La Mondiale +0.11
5. Egan Bernal Team Ineos +0.13
6. Nairo Quintana Team Arkea Samsic +0.13
7. Miguel Angel Lopez Astana Pro Team +0.13
8. Rigoberto Uran Ef Pro Cycling +0.13
9. Tadej Pogacar UAE Team Emirates +0.48
10. Enric Mas Movistar Team +1.00

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter