Milan, scatto verso l’Europa: stende la Roma, 2-0

La squadra di Pioli centra la seconda vittoria di fila e continua a tenere vivo il sogno Europa. A decidere il match sono i gol di Rebic al 76′ e di Calhanoglu all’89’. I giallorossi di Fonseca giocano un buon primo tempo, poi calano vistosamente e forse devono dire addio ai residui sogni di quarto posto. La partita si è giocata in un clima torrido

FORMAZIONI:

Milan (4-2-3-1): Donnarumma; Conti, Kjaer, Romagnoli, Hernadez; Kessié, Bennacer; Castillejo, Calhanoglu, Bonaventura; Rebic. All. Pioli.

Roma (4-2-3-1): Mirante; Zappacosta, Smalling, Mancini, Spinazzola; Cristante, Veretout; Kluivert, Pellegrini, Mkhitaryan; Dzeko. All. Fonseca.

CRONACA:

Squadre molto corte e molto chiuse nei primi minuti di gioco sotto il caldo di San Siro. La squadra giallorossa mantiene una supremazia a centrocampo e la squadra di casa fatica a uscire con la palla al piede. La prima chiara occasione della partita capita sulla testa di Dzeko, che sfrutta una deviazione di Kessie ma sfiora il palo alla sinistra di Donnarumma. Il Milan risponde con una ripartenza giocata tutta di prima: Rebic serve di tacco Bonaventura, che spreca però sul fondo da buona posizione. Prima dell’intervallo il Diavolo si rende ancora pericoloso con il solito Theo Hernandez, che mette in area un pallone d’oro per Calhanoglu: il turco è tutto solo al limite dell’area piccola, ma spara alto di testa.

Nella ripresa il ritmo resta poco elevato ma le due squadre vivono di fiammate: Pioli manda in campo Saelemaekers e Paqueta, Fonseca risponde con Perez. E’ la squadra di Pioli a rendersi però più pericolosa con qualche fiammata di Calhanoglu e del neo entrato Paquetà: in entrambe le occasioni Mirante si fa trovare pronto. L’allenatore ospite corre dunque ai ripari con l’ex Kalinic e Perotti, ma al 76′ la pressione del Milan si concretizza: brutto retropassaggio di Zappacosta, che serve di fatto Rebic, la palla arriva a Kessiè per la girata in area, Mirante respinge sui piedi dello stesso croato, bravo a ribadire due volte dopo aver colpito il palo. La Roma accusa il colpo e il Milan continua a far male quando riparte: Hernandez accelera e vince un rimpallo, poi viene steso in area da Smalling. Nessun dubbio per il direttore di gara, che assegna il calcio di rigore. Dal dischetto Calhanoglu incrocia di potenza e chiude un gran match per gli uomini di Pioli.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter