Milan col brivido, ma al playoff: 3-2 al Bodo/Glimt

I rossoneri faticano tantissimo contro i norvegesi, che vanno in vantaggio e alla fine sfiorano il 3-3: protagonista Calhanoglu, autore di due reti ed un assist di tacco per Colombo, al suo primo centro in partite ufficiali. La formazione di Pioli affronterà ora i portoghesi del Rio Ave

FORMAZIONI:

Milan (4-3-3): Donnarumma; Calabria, Kjaer, Gabbia, Hernandez; Bennacer, Calhanoglu, Kessié; Castillejo, Colombo, Saelemaekers. All. Pioli.

Bodo/Glimt (4-3-3): Haikin; Sampsted, Moe, Lode, Bjorkan; Fet, Berg, Saltnes; Zienckernagel, Junker, Hauge. All. Knutsen.

CRONACA:

Primo tempo animato dal vantaggio a sorpresa dei norvegesi, a segno con Junker, lesto ad anticipare Gabbia su un traversone basso proveniente da sinistra. La risposta del Milan è immediata e porta la firma di Hakan Calhanoglu, che fulmina Haikin con un potente sinistro dal limite dell’area. Al 33’ la rete dell’uomo più atteso, Lorenzo Colombo, che a soli 18 anni bagna l’esordio da titolare in rossonero con un tap in facile facile, dopo un colpo di tacco illuminante del solito Calhanoglu.

Il turco è in serata di grazia e ad inizio ripresa concede il bis personale: schema su calcio d’angolo, Castillejo serve Calhanoglu al limite dell’area, che di interno, di controbalzo, sorprende Haikin. Il Bodo/Glimt però riesce subito a riaprire la gara con un missile dai 20 metri di Hauge, sul quale Donnarumma non puà nulla. Pioli inserisce Daniel Maldini al posto di Colombo ma i riflettori sono tutti per Calhanoglu, che continua a regalare giocate d’alta scuola, assurgendo al ruolo di leader tecnico in assenza di Ibrahimovic. Gli ospiti prendono coraggio e impegnano Donnarumma a pochi minuti dalla fine con un colpo di testa di Saltnes, che si divora il goal del pareggio a tempo scaduto. Il triplice fischio di Jovic sancisce il passaggio del turno dei rossoneri, chiamati tra 7 giorni a superare l’ultimo ostacolo – i portoghesi del Rio Ave – per accedere alla fase a gironi di Europa League.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter