Mikel Nieve vince la prealpina, Amador è la nuova maglia rosa

Il basco del Team Sky, Mikel Nieve, vince a Cividale del Friuli la 13a tappa del Giro d’Italia sulle salite inedite del Friuli: lo scalatore spagnolo vince su Visconti e a Vincenzo Nibali, che fa lo sprint su Valverde per l’abbuono che gli permette di scavalcare l’Embatido in classifica generale.

Tappa inedita prealpina fra due città d’esordio al Giro d’Italia, Palmanova e Cividale del Friuli, con 2 Gran premi della montagna nella parte centrale e altrettanti nel finale a Cima Porzus 1 e Valle 2. Una frazione articolata di pendenze elevate e discese tecniche, specie quella del Passo San Martino dove inizia a definirsi la maxi-fuga del giorno dopo un’ora di corsa velocissima. Si tratta di un gruppo di 25 incursori tra cui Stefan Denifl della IAM Cycling, Damiano Cunego in maglia azzurra, Battaglin, Montaguti, Boaro, Busato, Malacarne, Visconti e Rojas della Movistar, De Marchi, Moser e 3 uomini della Lampre-Merida: Koshevoy, Mohoric e Diego Ulissi, sul filo della maglia rosa virtuale contro Jungels, con un vantaggio di 3 minuti sul gruppo.

La salita di Cima Porzus è la più dura e il manipolo dei battistrada si dimezza dietro all’attacco di Moreno Moser per Dombrowski della Cannondale, seguito da Mikel Nieve e Giovanni Visconti. Nibali intanto vuole testare Jungels con Tanel Kangert e Michele Scarponi in andatura sui tornanti. Nieve scollina in testa sul Gpm1 mentre Amador e Nibali si lanciano in picchiata sulla Bocchetta di Sant’Antonio, strada militare asfaltata per l’occasione. Manca l’ultima salita, la scalata di Valle, un’altra strada che sembra uno stadio naturale di tifosi friulani e che Nieve inizia con circa 3 minuti di vantaggio sul gruppo maglia rosa, che perde contatto sotto il forcing di Esteban Chaves. Davanti restano i migliori: Kruijswijk, Valverde, Majka, Uran, Zakarin e Vincenzo Nibali, che s’alza sui pedali in vista del Gpm per un’altra frustata a Jungels.

Mikel Nieve scollina a Valle e scende verso Campeglio, iniziando con un minuto di gap su Visconti il tratto finale: cinquemila metri in falsopiano fino a Cividale da gestire in andatura per la seconda vittoria al Giro d’Italia da Val di Fassa 2011. Il basco vince la tredicesima tappa con 45 secondi di vantaggio su Giovanni Visconti e 1’17 su Vincenzo Nibali, che guadagna 4 secondi di abbuono sprintando su Valverde.

ORDINE D’ARRIVO:
1. Mikel Nieve Team Sky 4:31.49
2. Giovanni Visconti Movistar Team +0.43
3. Vincenzo Nibali Astana Pro Team +1.17
4. Alejandro Valverde Movistar Team +1.17
5. Rafal Majka Tikoff +1.17
6. Stefan Denifl IAM Cycling +1.17
7. Steven Kruijswijk Team LottoNL-Jumbo +1.17
8. Rigoberto Uran Cannondale Pro Cycling Team +1.17
9. Matteo Montaguti AG2R La Mondiale +1.17
10. Domenico Pozzovivo AG2R La Mondiale +1.17

CLASSIFICA:
1. Andrey Amador Movisra Team Leader generale
2. Bob Jungels Etixx-Quick Step Leader giovane
3. Vincenzo Nibali Astana Pro Team
4. Alejandro Valverde Movistar Team
5. Steven Kruijswijk Team LottoNL-Jumbo
6. Rafal Majka Tikoff
7. Ilnur Zakarin Team Katusha
8. Johan Chaves Team Katusha
9. Rigoberto Uran Cannondale Pro Cycling Team
10. Jakob Fuglsang Astana Pro Team

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter