Messico-Cile 0-7: Poker Vargas, la Roja dilaga ma perde Vidal

Un Vargas scatenato guida il Cile nel roboante successo sul Messico: Roja in semifinale di Copa, dove sfiderà la Colombia. La squalifica di Vidal l’unica nota stonata.

Marcatori: al  15′ e al 87′ Puch , al 43′, 52′, 57′ e 74′ Vargas, al 48′ Sanchez.

Il Levi’s Stadium di Santa Clara, in California, ha ospitato questa notte l’ultimo quarto di finale della Copa América Centenario 2016. Di fronte si sono trovati i campioni in carica del Cile, impegnati nel difficile compito di confermarsi sul tetto continentale, ed il Messico, formazione che fino a qui aveva fatto vedere il calcio migliore e viene da 22 partite senza subire sconfitte.

Già dalle prime battute è il Cile a tenere le redini del gioco nonostante i fischi reiterati del pubblico che è per la maggior parte messicano. Vidal  dispensa assist e passaggi, ma purtroppo  per lui viene anche ammonito e  salterà la semifinale contro la Colombia per squalifica grave assenza per la Roja.

Sin dal primo minuto si capisce che il Cile e’ concentrato e gioca palla a terra come il Brasile del 1970 e al 15′  i cileni va ko in vantaggio grazie a una ribattuta di Puch che dopo una respinta di Ochoa tira in rete e segna. Il Messico sembra avere poche idee ma confuse, invece il Cile continua ad attaccare mentre a Vargas viene annullato un gol per fuorigioco, dopo una triangolazione perfetta tra Vidal, Sanchez e Vargas, l’ex attaccante del Napoli è indiavolato ed è lui a raddoppiare dopo un passaggio in area di Sanchez i. Messico sotto shock e anche il pubblico non ha più forza per tifare.

Nel secondo tempo la partita non cambia e Alexis Sanchez trova il terzo gol dopo una bella azione corale della squadra, il Messico però è completamente senza forze tanto che cinque minuti dopo Edu Vargas trova la doppietta personale dopo un altro assist di Sanchez. Passano pochi minuti ed è tripletta: in pratica Vargas sta facendo quello che vuole e solo Ochoa prova, senza fortuna, a opporsi, al 74′ addirittura arriva il sesto gol sempre dell’attaccante dell’Hoffenheim, infine  anche Puch realizza una doppietta e ormai siamo sul 7 a 0.

Per il Messico è un’umiliazione enorme (aveva supito  più gol nell’amichevole del 1961 contro l’Inghilterra 8-0) e così i tanti tifosi dicono addio con tristezza a questa Copa America dopo aver fatto vedere un bellissimo calcio prima di affrontare la Roja più bella di sempre, per il CT Pizzi una bella soddisfazione visto le tante polemiche per non aver convocato il Mago Valdivia, migliore in campo senza dubbio Alexis Sanchez bellissimi i suoi tanti assist ed ubriacanti i suoi dribbling, per Edu Vargas gol n. 31 in solo 57 partite giocate, ora il Cile in semifinale affrontera’ un’altra grande favorita alla vittoria della Copa America la Colombia purtroppo con qualche problema a centrocampo infatti Pizzi non avrà’ Arturo Vidal come abbiamo già detto per raggiunto limite di ammonizioni e forse Marcelo Diaz uscito per un leggero infortunio alla coscia destra, ma in ogni caso il Cile sembra giocare a memoria e sicuramente venderà cara la pelle.

Messico (4-3-3): Ochoa; Aguilar, Araujo, Moreno, Layun; Guardado, Duenas (1′ st. Marquez), Herrera; Lozano (1′ st. Jimenez). Hernandez, Corona (15′ st. Reyes). All. Osorio

Cile (4-3-3): Bravo; Fuenzalida, Medel (14′ st. Roco), Jara, Beausejour (27′ st. Gonzalez); Aranguiz, Diaz (11′ st. Silva), Vidal; Puch, Sanchez, Vargas. All. Pizzi

About the Author

Andrea Schiavina
Nato a Bologna il 19/06/1965 titolo di studio Geometra, sport praticati a livello agonistico Nuoto, Pallanuoto, Football americano e Tennis. Appassionato di sport in genere, sono osservatore di calcio professionista, collaboro con Radio Nettuno, Abito a grizzana Morandi in provincia di Bologna sposato

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter