Maverick Vinales regala il primo successo nel 2019 alla Yamaha

12,Maverick Vinales,Monster Yamaha Factory Racing,Yamaha,MotoGP,Arai,Alpinestars,Monster,

Maverick Vinales rompe il tabù e riporta la Yamaha alla vittoria per la prima volta in questa stagione. Il 24enne spagnolo vince per distacco su Marquez, sempre più leader del campionato. Terzo posto per un ottimo Quartararo

Gara capolavoro per Maverick Vinales, che dopo aver battagliato con Fabio Quartararo e Marc Marquez, è tornato alla vittoria sullo storico circuito di Assen, un successo che alla Yamaha mancava dal 2018, quando fu proprio lo spagnolo a vincere a Phillip Island.

Il #12 nonostante qualche sbavatura nella guida, dovuta ad una M1 “ballerina” rispetto alla Honda, ha centrato il primo successo stagionale, il sesto in MotoGP, il ventiduesimo in carriera.

Alle sue spalle è arrivato il leader della classifica iridata Marc Marquez, che in un weekend dove la Honda non era al 100%, ha portato a casa un grande risultato, soprattutto visto il quarto posto di Andrea Dovizioso, arrivato ad oltre 14 secondi dal vincitore.

Grandissima la gara del rookie e pole-man Fabio Quartararo, che nonostante un braccio affaticato dalla recente operazione, ha guidato gran parte della corsa, chiudendo al terzo posto, portando a casa il secondo podio consecutivo dopo quello di Barcellona.

Le difficoltà delle Ducati sono evidenziate anche dal sesto posto di Danilo Petrucci, che dopo aver battagliato con Dovizioso, si è dovuto arrendere proprio nelle ultime curve ad un positivo Franco Morbidelli, quinto al traguardo.

Cal Crutchlow ha chiuso settimo, davanti alla Suzuki del rookie Joan Mir, alla Ducati del Team Pramac di Jack Miller e all’Aprilia di Andrea Iannone, decimo al traguardo e davanti ai fratelli Espargarò, con Pol davanti ad Aleix. A punti anche Miguel Oliveira, Francesco Bagnaia e Hafizh Syahrin.

Gara da dimenticare così come tutto il weekend per Valentino Rossi caduto dopo un contatto con Takaaki Nakagami quando lottava per le posizioni di rincalzo. Quello che pesa sul pesarese sono il primo, il terzo e il quinto posto delle altre Yamaha, che con Vinales, Quartararo e Morbidelli sembrano “volare” rispetto alla M1 del pesarese. Al momento Rossi non riesce a sfruttare il potenziale della M1, vedremo se già dal Sachsering saprà reagire.

Gara da “cancellare” anche per Alex Rins, caduto nei primi giri quando era al comando dell gara. Parlando di classifica, Marc Marquez allunga portandosi a 160 punti contro i 116 di Andrea Dovizioso e i 108 di Danilo Petrucci. Rins e Rossi rimangono fermi a 101 e 72 punti.

ORDINE D’ARRIVO:
1. Maverick Vinales Monster Energy Yamaha 40:55.41
2. Marc Marquez Repsol Honda +4.85
3. Fabio Quartararo Petronas Yamaha SRT +9.73
4. Andrea Dovizioso Mission Winnow Ducati +14.14
5. Franco Morbidelli Petronas Yamaha SRT +14.46
6. Danilo Petrucci Mission Winnow Ducati +14.79
7. Cal Crutchlow LCR Honda +18.36
8. Joan Mir Team Suzuki Ecstar +24.26
9. Jack Miller Pramac Racing +24.49
10. Andrea Iannone Aprilia Racing Team Gresini +26.99

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter