Marquez domina le prime prove libere già dai primi giri

Marquez monta la gomma dura al posteriore e fa il primo tempo al quarto giro delle prove libere

La scelta delle gomme ha giovato al numero 93, Marc Marquez, che ha montato nei primissimi giri la hard dietro. Non c’è stato verso per gli altri piloti stargli dietro, con un Marc che giro dopo giro migliorava sempre il suo tempo, fino al decimo giro di prova quando ha tirato fuori “l’ignoranza” e ha fatto il suo giro veloce, in 1’48.830. Il pilota della Honda è anche l’unico pilota nelle prime prove libere a scendere sotto il muro del 1’49.

Restando in casa Honda, il vincitore dell’ultima gara, Dani Pedrosa è lontano dal suo compagno di squadra. Con una gomma morbida all’anteriore, Dani è riuscito a fare il suo miglior tempo, 1’49.993 al sesto giro delle prove libere. Questo però non è stato abbastanza per riuscire a stare davanti con i suoi compagni.

Le condizioni della pista non son state ottimali, come dichiarato anche dai piloti della Classe Regina, e questo ha influito sul consumo e soprattutto sulla temperatura delle gomme. Con cielo coperto e circa 22 gradi sull’asfalto, le prime prove libere non sono state di grande aiuto soprattutto per i piloti della Ducati, come dichiarato in seguito anche da Dovizioso.

Ducati fa fatica, in Yamaha umori diversi

Parlando delle Ducati, quarto tempo per Dovizioso, con un ritardo di 0.348 su Marquez, e un tempo uguale a Vinales, che si trova in terza posizione, con 1’49.178. Dovi ha iniziato le prove libere abbastanza lento, andando a migliorare la sua prestazione con una hard al posteriore e provando due setup diversi sulla sua moto. Dall’altra parte del box troviamo un Iannone competitivo, con il sesto tempo nelle prime prove, 1’49.601.

Nei due box Yamaha si respira aria diversa. Nelle prove libere lo spagnolo Lorenzo si trova in difficoltà nei primi giri, colpa di una gomma che sembra ancora fredda, infatti torna ai box dopo mezzo giro, lamentandosi del chattering sulla gomma posteriore. Jorge usa nelle prove due moto con setting uguali, prova però due gomme diverse e con una hard al posteriore fa il suo miglior tempo, 1’49.573, quinto in classifica.

Valentino Rossi non ama la pista di Aragon, e fa più fatica nei primi giri. Prova due setting molto diversi ed esce con la hard al posteriore quando ormai mancano 8 minuti alla conclusione delle prime prove libere. L’ultimo giro lo porta in seconda posizione, arrivando dietro Marquez con soli 0.186 di ritardo.

L’intervista a Iannone dopo le prime prove libere

Rimane ancora da decidere se correrà o meno domenica sulla pista di Aragon. Iannone dopo le prove libere sembra amareggiato e racconta per i microfoni di Sky che pensava di fare peggio, invece è competitivo. Il dolore alla schiena però aumenta giro dopo giro e per adesso non ha preso nessun antidolorifico. Andree dice che deve capire il suo limite e che prenderà degli antinfiammatori prima delle FP2 e deciderà in seguito, perché un conto è fare un paio di giri, cosa diversa invece è la gara di domenica.

Prove libere 1:

1. Marc Marquez Honda : 1:48.83
2. Valentino Rossi Yamaha : +0.18
3. Maverick Vinales Suzuki : +0.34
4. Andrea Dovizioso Ducati : +0.34
5. Jorge Lorenzo Yamaha : +0.74
6. Andrea Iannone Ducati : +0.77
7. Danilo Petrucci Pramac Ducati : +0.88
8. Aleix Espargaro Suzuki : +0.90
9. Pol Espargarò Monster Tech 3 +0.90
10. Cal Crutchlow LCR Honda : +0.92


 

About the Author

Ioana Tita
Sono Ioana, ho 27 anni e sono laureata in economia preso l'università degli studi di Torino. Amo il tennis e le due ruote, le serie tv e i gatti.

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter