Mark Cavendish vince anche Carcassone

Cadute, ritiri, problemi meccanici e ventagli. Anche oggi è stata una tappa folle, con lo stesso Cavendish coinvolto in un problema meccanico e con un Declercq in meno. Lo sprinter della Deceuninck Quick Step non voleva però mancare questa chance: vince la 4a tappa in questo Tour, la 34a in carriera. È record, perché Cavendish riesce così ad eguagliare Eddy Merckx

Si parte con la fuga di tre uomini: all’attacco Goldstein, Sean Bennett e, a sorpresa, Pierre Latour. Dietro c’è la solita Deceuninck Quick Step a fare l’andatura per cercare il poker di vittorie con Mark Cavendish. Corsa tranquilla fino al traguardo volante di Fontès: Goldstein si piazza 1°, dietro è volata per il 4° posto, vinta dal solito Colbrelli che anticipa Matthews per avvicinarsi a Cavendish in vetta alla classifica a punti. A 65 km dall’arrivo, però, né i fuggitivi né il gruppo vogliono concludere questa tappa con la classica volata. Latour e Goldstein staccano Sean Bennett, mentre in gruppo Gilbert e Aranburu provano ad evadere. La Deceuninck Quick Step spegne però i bollenti spiriti, con Alaphilippe e Asgreen a chiudere su questa azione.

A 61,7 km dall’arrivo, in discesa, c’è una maxi caduta, con alcuni corridori che finiscono nel fossato. Ci sono Kragh Andersen, Geraint Thomas, Majka, Simon Yates, Küng tra gli altri, giù anche i velocisti Bouhanni e Cees Bol. Per fortuna ripartono quasi tutti, tranne Roger Kluge, l’ultimo della classifica generale, e il duo della BikeExchange Simon Yates-Lucas Hamilton che dicono addio. Intanto la fuga viene neutralizzata 53 km dal traguardo. Il gruppo inizialmente aspetta i corridori rimasti indietro, ma dopo una decina di km torna ad esserci invece corsa vera con l’attacco di Quentin Pacher. In gruppo sono costretti a rallentare ancora, a causa dei problemi meccanici avuti da Cavendish prima e Philipsen poi. Pacher viene ripreso ai -19, e proprio in quel momento cominciano i ventagli.

Prima Daniel Oss per Kelderman, poi Kwiatkowski per Carapaz e van Aert per Vingegaard. C’è del vento laterale e i capitani vogliono quanto meno provarci, anche perché Pogacar è da solo. Ci sarebbero Bjerg, McNulty e Hirschi, ma non sono dove dovrebbero essere e lo sloveno deve fare tutto da solo. Fortuna per lui che il vento non è così forte da fare i danni, bravo anche Pogacar a rimanere nelle prime posizioni. Ai -5 km cominciano le operazioni di preparazione della volata: tutti ci vogliono provare, ci sono anche i treni della Israel, della Education Nippo, quello della Qhubeka NextHash. Bouhanni tenta il dispetto a Cavendish e si mette alla ruota di Morkov, ma Ballerini avanza un poco creando un buco, in modo da far risistemare la situazione dietro. Strategia perfetta, perché Morkov prende Cavendish e volano verso il traguardo. Cavendish 1°, Morkov addirittura 2° e la storia è riscritta. Per Cannoball è la vittoria n° 34 al Tour in carriera, come Eddy Merckx.

ORDINE D’ARRIVO:
1. Mark Cavendish Deceuninck-Quick Step 5:04.29
2. Michael Morkov Deceuninck-Quick Step +0.00
3. Jasper Philipsen Alpecin-Fenix +0.00
4. Ivan Garcia Movistar Team +0.00
5. Danny Van Poppel Intermrache-Wanty-Gobert Materiaux +0.00
6. Alex Aranburu Astama-Premier Tech +0.00
7. Christophe Laporte Cofidis +0.00
8. André Greipel Israel Start-Up Nation +0.00
9. Magnus Cort Nielsen EF Education-Nippo +0.00
10. Jasper Stuyven Trek-Segafredo +0.00

CLASSIFICA GENERALE:
1. Tadej Pogacar UAE Team Emirates 52:27.12
2. Rigoberto Uran EF Education-Nippo +5.18
3. Jonas Vingegaard Team Jumbo-Visma +5.32
4. Richard Carapaz Ineos Grenadiers +5.33
5. Ben O’Connor AG2R Citroen Team +5.58
6. Wilco Kelderman Bora-Hansgrohe +6.16
7. Aleksej Lutsenko Astana-Premier Tech +6.30
8. Enric Mas Movistar Team +7.11
9. Guillaume Martin Cofidis +9.29
10. Pello Bilbao Bahrain-Victorious +10.28

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter