L’Olimpia Milano spezza il tabù Fenerbahçe: 87-74

L’AX Armani Exchange Milano infila la terza vittoria consecutiva in Eurolega superando il Fenerbahçe Beko Istanbul 87-74 sul parquet del Forum di Assago: i biancorossi spezzano così una lunghissima striscia di dieci sconfitte in fila contro la corazzata turca, mai battuta dal lontano 2014. Sergio Rodriguez segna 22 punti, ma sono decisivi anche Arturas Gudaitis con 17 e Amedeo Della Valle con 15

Nella serata di Sergio Rodriguez, spettacolare con 22 punti, 5 assist e una serie di giocate decisive arrivate con tempismo perfetto nei momenti topici della partita, brilla anche e soprattutto la “strana coppia” uscita dalla panchina, composta dal rientrante Arturas Gudaitis e dalla miglior versione mai vista finora di Amedeo Della Valle in Eurolega. Al sua prima partita in Coppa dopo il lungo stop di nove mesi per la rottura del crociato, Gudaitis conferma che i lampi già mostrati al debutto domenica scorsa a Cremona non erano effimeri: il big-man lituano controlla il verniciato su entrambi i lati del campo, fornendo un’alternativa solidissima in attacco da alternare a Luis Scola e sorreggendo splendidamente la muraglia difensiva al fianco di un rigenerato Kaleb Tarczewski, in una versione delle “Torri Gemelle” milanesi mai realmente sperimentata nel biennio di gestione Pianigiani. Sul perimetro, invece, scorrazza lo spauracchio Della Valle, strabordante di fiducia dopo un inizio di partita con mano infuocata: è lui a ispirare con 10 punti quasi consecutivi il parzialone di 16-0 con cui l’Olimpia prende il controllo delle operazioni nella seconda metà del primo quarto, scavando quel cuscinetto di margine poi decisivo per la vittoria finale. Il figlio di Carlo chiuderà a quota 15 con 5/10 dal campo, suo career-high in Eurolega.

Toccato il massimo vantaggio sul +17 con le lezioni di Rodriguez e una difesa d’acciaio, puntellata anche dall’ottima presenza di Andrea Cinciarini e Paul Biligha, Milano cede qualcosa a cavallo dei due quarti centrali, soffrendo prima la verticalità di Ian Vesely e poi il quintetto piccolo con Datome-Lauvergne da lunghi tattici: il Fener ricuce fino al -7, ma subisce una nuova violenta spallata dal ritorno in campo di Della Valle e dalla flessione dei bicipiti di Gudaitis, tornato a prendere pieno possesso del pitturato. Il quarto fallo di Nando De Colo, fino a quel momento rognosissimo con le sue giocate in pick’n’roll centrale per attaccare il ventre molle di Rodriguez, toglie al Fener il cervello e il terminale offensivo più pericoloso, e nonostante una fiammata di Derrick Williams per il nuovo -8, l’Olimpia riapre la forbice con un’immediato controbreak firmato da Gudaitis, Rodriguez e Michael Roll, che riemerge d’improvviso dal letargo offensivo segnando due bombe consecutive letali per il 79-64.

Obradovic si gioca il tutto per tutto nel finale riabbassando il quintetto e circondando De Colo di tiratori, ma Milano mantiene i nervi saldi, chiude il pitturato con un ottimo lavoro difensivo dei lunghi e manda i titoli di coda con un paio di canestri da fuoriclasse del Chacho Rodriguez.

A|X Armani Exchange Milano – Fenerbahçe BEKO Istanbul 87-74
(20-11, 21-18, 25-26, 21-19)

Olimpia Milano: Rodriguez 22, Gudaitis 17, Della Valle 15, Tarczewski 8, Micov 7, Biligha 6, Roll 6, Scola 6. All. Messina.

Fenerbahce: Lauvergne 14, Vesely 14, De Colo 12, Mahmutoglu 8, Williams 8, Sloukas 7, Datome 5, Biberovic 4, Muhammed 2. All. Obradovic.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter