L’Olimpia Milano si arrende in volata al Maccabi, 94-92

L’Olimpia Milano scivola in casa dei gialloblu nell’ultimo turno del girone d’andata di Eurolega e incappa nell’ottava sconfitta stagionale, la decima di fila in Israele e addirittura la 25esima consecutiva per una squadra italiana contro il Maccabi. Decisivo Johnny O’Bryant, MVP con 32 punti, mentre a Milano non bastano i 17 punti di Nedovic e i 16 di James e Micov

Maccabi Fox Tel Aviv – A|X Armani Exchange Milano 94 – 92
(21-24, 25-24, 29-27, 19-17)

Maccabi Tel Aviv: O’Bryant III 32, Tyus 16, Wilbekin 13, Kane 12, Cohen 7, Cloiaro 3, Dibartolomeo 3, Ray 3, Roll 3, Zoosman 2. All. Sfairopoulos.

Olimpia Milano: Nedovic 17, James 16, Micov 16, Brooks 13, Gudaitis 10, Tarczewski 10, Kuzminskas 7, Jerrells 3. All. Pianigiani.

CRONACA:

Parte forte il Maccabi, sfruttando le abilità spalle a canestro dei propri lunghi, ma Milano risponde con la coppia Brooks-Tarczewski e con Nedovic, il quale regala il primo vantaggio agli ospiti. L’A|X Armani Exchange allunga ancora, concludendo un parziale di 14-0, e costringe coach Sfairopoulos a chiamare timeout per far riordinare le idee ai padroni di casa; la sospensione e l’ingresso di Cohen ridestano, specie in fase difensiva, il Maccabi, che torna così a un solo possesso di distanza alla fine del 1° quarto. O’Bryant, con 7 punti, e Roll propiziano il 10-0 casalingo utile ribaltare nuovamente il punteggio dopo 3′ della seconda frazione; Milano sistema però la difesa, chiudendo meglio certe linee di passaggio e non concedendo vita facile agli esterni avversari, e torna nuovamente avanti con la tripla del solito Nedovic. Gli ospiti provano anche ad allungare, ma Tyus spadroneggia a rimbalzo offensivo e, aiutato dalla tripla incredibile di Wilbekin, permette al Maccabi di chiudere sotto di sole 2 lunghezze il primo tempo.

Tyus si conferma fattore importante anche a inizio ripresa, rispondendo praticamente da solo all’ottima circolazione offensiva degli ospiti; Milano vede però calare la propria percentuale da tre rispetto al 6/8 del primo tempo e O’Bryant, con tre triple consecutive, riporta avanti il Maccabi al 27′. La formazione di coach Pianigiani commette qualche turnovers di troppo, ma James decide di mettersi in proprio e trova anche il buzzer utile a riportare la sfida in completa parità, rispondendo così ai 14 punti realizzati da O’Bryant solamente nel 3° quarto. A 10′ dalla fine il computo complessivo delle triple è impressionante: 11/15 per il Maccabi, 10/15 per Milano, sintomo che le difese non hanno lavorato benissimo, ma anche della qualità offensiva di molti dei giocatori impegnati nell’incontro. L’Olimpia sfrutta le incertezze offensive avversarie per piazzare un parziale di 8-3 nei primi 3′ dell’ultimo quarto, con Gudaitis principale protagonista, specie nella difesa 1vs1 su Tyus; O’Bryant è però incontenibile e, appena rimesso in campo dal proprio allenatore, piazza 5 punti consecutivi per rimettere tutto in discussione. Brooks si prende la scena con canestri fondamentali, ma il Maccabi continua a trovare soluzioni dalla distanza e a beneficiare di un’insolita abilità di Tyus a cronometro fermo. Nel combattuto e concitato finale Milano ha la tripla della potenziale vittoria, ma dall’angolo lo stesso Brooks sbaglia e il Maccabi può così celebrare il 3° successo casalingo in Europa.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter