L’Olimpia Milano perde la terza partita in fila: la Stella Rossa passa al Forum 77-67

L’Olimpia Milano incassa la terza sconfitta consecutiva dopo quelle con Efes e Olympiacos cedendo alla Stella Rossa Belgrado 67-77 sul parquet del Forum di Assago. Già priva degli infortunati Gudaitis e Micov, Milano perde anche Nemanja Nedovic, che soffre un altro infortunio muscolare nel corso del primo tempo

Era la classica partita-trappola, e così è stata. In striscia positiva e rivitalizzata dalla presenza di un santone come Dragan Sakota in panchina, la Stella Rossa mostra i muscoli al Forum di Assago e aggrava il momento negativo dell’Olimpia Milano, alla terza sconfitta consecutiva e alla quarta nelle ultime cinque, trend in picchiata apertosi con l’infortunio sofferto da Arturas Gudaitis. Ma al big-man lituano si aggiungono anche le assenze di Vlado Micov e Nemanja Nedovic, che soffre un risentimento muscolare nel corso della prima metà di gara: senza il “trio dell’Est”, l’Olimpia non ha la necessaria potenza di fuoco offensiva per scardinare una difesa della Stella Rossa estremamente fisica e intensa, il vero marchio di fabbrica di una squadra che ha fatto ancor più quadrato sulle qualità nella propria metacampo nelle ultime tre settimane.

Decisivo il terzo quarto, vinto dalla Stella Rossa 18-10 e psicologicamente letale per un’Olimpia che mostra gravi segni di nervosismo dopo una serie di opportunità non capitalizzate nelle fasi finali del secondo periodo per tentare un allungo sfruttando l’unico momento di fuoco dall’arco con le triple di Nemanja Nedovic e Michael Roll: Sergio Rodriguez gioca sull’orlo della crisi, faticando nel controllare il ritmo e gestire la squadra, mentre Luis Scola mostra tutti i suoi 39 anni contro una front-line dura e fisica, che non cede di un millimetro in ogni singola azione. Le difficoltà offensive si leggono chiaramente nelle percentuali a referto: il 7/30 dall’arco di squadra è figlio sì di qualche tripla comoda sbagliata di troppo senza il killer-instinct della coppia Nedovic-Micov, ma anche di un attacco che fatica a prendere vantaggi e muovere il pallone, riducendosi spesso a prendere conclusioni forzate vicino alla sirena dei 24″.

Dall’altra parte, la Stella Rossa vive invece una delle migliori serate stagionali al tiro: sbarcata al Forum al penultimo posto per percentuale dalla distanza, la formazione di Sakota spara un ottimo 10/22 dall’arco che le permette di restare tranquillamente in partita in un primo tempo in cui Milano fatica a difendere sul perimetro, e ad affondare poi un paio di coltellate molto dolorose per piazzare un paio di break decisivi nella ripresa. Autore del canestro-vittoria della scorsa settimana contro Valencia, Lorenzo Brown è nuovamente man of the match con 21 punti, 7 assist, 4 rimbalzi e un ottimo 7/8 da due, figlio di una continua capacità di rompere la prima linea difensiva per arrivare al ferro. Molto positivo anche Billy Baron, che ne scrive 17 con quattro triple scandite con tempismo perfetto nei momenti topici della serata, così come Derrick Brown e Michael Ojo, che in 11 minuti di pura strapotenza fisica nel verniciato fa saltare tutti gli equilibri difensivi della formazione di Ettore Messina.

A|X Armani Exchange Milano-Stella Rossa MTS Belgrado 67-77
(18-20, 22-19, 10-18, 17-20)

Olimpia Milano: Rodriguez 14, Roll 9, Brooks 7, Della Valle 7, Moraschini 7, Nedovic 6, Scola 6, White 6, Tarczewski 3, Mack 2. All. Messina.

Stella Rossa: Brown 21, Baron 17, Brown 12, Davidovac 6, Faye 6, Ojo 6, Dobric 3, Covic 2, Gist 2, Kuzmic 2. All. Sakota.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter