L’Olimpia Milano batte lo Zenit 73-72

L’Olimpia Milano infila la seconda vittoria casalinga dopo quella con Valencia superando lo Zenit San Pietroburgo 73-72: Vlado Micov guida con 13 punti. La squadra di Ettore Messina chiude il girone d’andata al settimo posto con un bilancio positivo di 9 vittorie e 8 sconfitte

La buona prestazione del Professore, leader offensivo con 13 punti, 2 rimbalzi, 2 assist e 2 recuperi, viene sorretta da un lavoro collettivo altrettanto positivo dell’intero pacchetto lunghi, capace sia di chiudere il verniciato in un secondo tempo da soli 31 punti subiti, sia di colpire a ripetizione con le giocate in post-up di Arturas Gudaitis, i tagli di Kaleb Tarczewski e le triple di Luis Scola, autore del primo squillo per il +7 nelle fasi iniziali della ripresa.

Più complicata, invece, la partita in regia. Sergio Rodriguez spende due falli nei primi tre minuti d’azione ed è costretto a osservare l’intero primo tempo dalla panchina: chiuderà con 8 punti, 3 assist e la sensazione complessiva di un qualcosa fuori posto. C’è subito tanto spazio, quindi, per il debuttante Keifer Sykes, apparso però ancora fuori ritmo per il livello dell’Eurolega: 7 punti con 2/8 dal campo, 5 palle perse e una gestione della squadra non limpida in un secondo periodo molto complicato che vede lo Zenit balzare anche sul +6 sfruttando un avvio spiritato di Austin Hollins, un momento di grazia di Andrew Albicy e il lavoro in vernice di Gustavo Ayon, finito col diventare il faro offensivo dei russi con 15 punti, 7 rimbalzi e una continua ricerca delle sue ricezioni in post-basso.

Nota di merito importante per gli italiani, capaci di rivitalizzare una Milano spentasi proprio sul più bello, quando quelle due triple in fila di Scola sembravano presagire un secondo tempo molto meno complicato. Dopo un lungo periodo di totale siccità offensiva che permette allo Zenit di rimettere la testa avanti a fine terzo periodo con un paio di canestri consecutivi di Khvostov, Amedeo Della Valle suona la carica con un gran canestro di pura rabbia agonistica in contropiede e Riccardo Moraschini riapre la scatola in una serata di scarse percentuali dall’arco complessive con un triplone fuori ritmo da distanza siderale.

A|X Armani Exchange Milano – Zenit San Pietroburgo 73-72
(19-17, 22-24, 14-15, 18-16)

Olimpia Milano: Micov 13, Tarczewski 11, Gudaitis 10, Scola 10, Rodriguez 8, Sykes 7, Moraschini 5, Brooks 4, Della Valle 3, Roll 2. All. Messina.

Zenit San Pietroburgo: Ayon 15, Hollins 14, Alibicy 12, Will 11, Khvostov 7, Abromaitis 6, Trushkin 5, Ponitka 2. All. Plaza.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter