L’Olimpia Milano batte l’Asvel 87-73

L’Olimpia Milano infila la seconda vittoria consecutiva in Eurolega superando i francesi dell’Asvel Villeurbanne per 87-73 nel debutto stagionale europeo al Forum. Shavon Shields guida l’attacco biancorosso segnando 17 punti, segue Sergio Rodriguez a quota 13

I pilastri della vittoria poggiano, ancora una volta, sul gran lavoro collettivo nella metacampo difensiva, dove l’Olimpia riesce a fare la differenza in ogni frangente in cui alza intensità e fisicità: la squadra di Messina regge splendidamente sulla prima linea difensiva togliendo idee ai palleggiatori e ruota in maniera altrettanto coordinata e precisa con i lunghi, chiudendo spazi e vincendo la battaglia sotto i tabelloni. L’Asvel ammassa 17 palle perse, molte delle quali pagate a caro prezzo, e vede Norris Cole, sua punta di diamante offensiva, fiaccata e spenta nel finale, quando il rumore dei ferri si sostituisce a quello delle scarpe cigolanti sul parquet nelle sue solite accelerazioni razzenti dal palleggio.

Come già visto a Monaco, Milano dimostra di poter reggere a livello fisico contro avversarie nervose e spigolose, in contesti dove avrebbe faticato nella scorsa stagione: in questo aspetto si intravedono gli enormi miglioramenti in esperienza e abitudine a giocare questo tipo di partite guadagnati con la rivoluzione estiva del roster, che ha permesso a coach Messina di poter schierare una squadra con un peso fisico e mentale di livello superiore.

Con una tempra difensiva di questo tipo, l’attacco vien da sé, nonostante le assenze dei lungodegenti Kevin Punter e Vlado Micov: Milano è brava ad alternare protagonisti nei vari momenti della partita, pescando ottime risposte anche dagli italiani e dalla panchina. Riccardo Moraschini sfodera una delle sue migliori prestazioni di sempre in Europa, fornendo atletismo, fisicità e capacità di spaccare la prima linea difensiva con le sue penetrazioni a quattro ruote motrici. Gigi Datome, dopo un inizio un po’ complicato, prende fiducia con il passare dei minuti e spiega, ancora una volta, il motivo per cui Messina l’ha voluto fortemente in squadra: sono due sue giocate consecutive a forgiare un mini-break di 5-0 all’inizio del quarto periodo con cui Milano riallunga sul +11, spegnendo con forza l’ultima fiammella di speranza per la rimonta avversaria.

Olimpia Milano – Lyon-Villeurbanne 87-73
(20-17, 25-23, 16-14, 26-19)

Olimpia Milano: Shields 17, Rodriguez 13, Datome 10, LeDay 10, Moraschini 10, Delaney 9, Hines 8, Roll 5, Tarczewski 4, Brooks. All. Messina.

Lyon-Villeurbanne: Noua 12, Cole 10, Fall 10, Yabusele 8, Strazel 7, Howard 6, Lighty 5, Diot 4, Kahudi 4, Freeman 3, Bako 2, Lomazs 2. All. Parker.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter