Liverpool, è una rimonta pazzesca: 4-0 al Barcellona

Impresa del Liverpool che ribalta lo 0-3 del Camp Nou e si qualifica per il secondo anno consecutivo alla finale dove l’1 giugno a Madrid affronterà una tra Ajax e Tottenham. Divock Origi sblocca il risultato al 7′, poi una doppietta di Georginio Winaldum tra il 54′ e il 56′ manda in tilt il Barcellona. Ci pensa ancora Origi al 79′ a siglare il poker

FORMAZIONI:

Liverpool (4-3-3): Alisson; Alexander-Arnold, Matip, Van Dijk, Robertson; Henderson, Fabinho, Milner; Shaqiri, Mané, Origi. All. Klopp.

Barcellona (4-3-3): Ter Stegen; Roberto, Piqué, Lenglet, Alba; Vidal, Busquets, Rakitic; Messi, Suarez, Coutinho. All. Valverde.

CRONACA:

Gli uomini di Klopp partono fortissimo e trovano l’immediato vantaggio con il recupero palla di Manè sulla trequarti: la palla arriva a Henderson, che impegna Ter Stegen, ma sulla respinta Origi deve solo insaccare a porta vuota. I blaugrana reagiscono subito con Messi, che impegna Alisson al primo intervento in corner con un sinistro insidioso. Il Barcellona punge in contropiede approfittando degli spazi lasciati dai Reds, ma il portiere brasiliano si fa trovare pronto anche sul piatto di Coutinho. La partita è ruvida e ricca di contrasti duri a metà campo: poco prima dell’intervallo un miracoloso intervento di Pique toglie a Manè la palla buona per il raddoppio.

Il ritmo si mantiene alto anche nella ripresa e Klopp gioca la carta Wijnaldum al posto dell’infortunato Robertson: una mossa che si rivela decisiva, perchè l’olandese sale in cattedra con una doppietta che fa urlare Anfield. Al 54′ sfrutta un bel cross dalla destra con un inserimento perfetto a bucare le mani di Ter Stegen e due minuti più tardi si ripete di testa sul morbido cross di Wijnaldum, questa volta centrando l’incrocio alla destra del portiere. Il Barcellona è completamente stordito e Valverde corre ai ripari con un cambio difensivo: dentro Semedo al posto di Coutinho, ma l’urlo del pubblico di casa continua a caricare la furia Reds. La formazione ospite prova lentamente a riordinare le idee mentre gli uomini di Klopp rifiatano, ma nel finale arriva il colpo del ko per i catalani. Una clamorosa dormita dell’intera difesa blaugrana permette ad Alexander-Arnold di battere velocemente un calcio d’angolo e pescare a centro area Origi, che deve solo insaccare a due passi dalla linea di porta. Negli ultimi minuti i ragazzi di Valverde tentano il disperato assalto con i nervi ormai spezzati, ma il muro Reds respinge ogni pericolo ed è totale tripudio ad Anfield.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo