L’Inter vince il derby più pazzo: dallo 0-2 al 4-2 nella ripresa

Spettacolo ed emozioni a San Siro dove l’Inter rimonta e vince un derby che nel primo tempo sembrava perso. Rossoneri che nel primo tempo vanno avanti con Rebic e Ibrahimovic, nella ripresa però l’Inter ribalta tutto con due gol in tre minuti di Brozovic e Vecino e completano la rimonta con un gol di testa di de Vrij e nel recupero Lukaku cala il poker. Nerazzurri che agganciano in vetta la Juve

FORMAZIONI:

Inter (3-5-2): Padelli; Godin, De Vrij, Skriniar; Candreva, Barella, Brozovic, Vecino, Young; Lukaku, Sanchez. All. Conte.

Milan (4-4-2): Donnarumma; Conti, Kjaer, Romagnoli, Hernandez; Castillejo, Kessié, Bennacer, Rebic; Calhanoglu, Ibrahimovic. All. Pioli.

CRONACA:

Alla fine vince la grinta di Conte, la potenza di Lukaku, la determinazione di Barella – protagonista di un secondo tempo incredibile – e un crollo fisico e psicologico del Milan difficile da spiegare. I rossoneri nel primo tempo avevano meritato il vantaggio, arrivato nel finale grazie a Rebic, agevolato da una sponda straordinaria di Ibrahimovic e da un’incertezza colossale di Padelli. A pochi secondi dall’intervallo, poi, era lo stesso Ibra a gelare la sua ex tifoseria battendo Padelli da pochi passi sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Doccia gelata per i sostenitori nerazzurri, ai quali Ibrahimovic ha dedicato anche un’esultanza tutt’altro che distensiva.

Nella ripresa però è subito un’altra Inter: i nerazzurri spingono subito sull’acceleratore, mettono sotto i cugini e trovano il goal che riapre il match con Brozovic, il cui tiro al volo dalla distanza non lascia scampo a Donnarumma. Ed è proprio la partita ‘double face’ di Marcelo Brozovic a cambiare le sorti del derby: nel primo tempo, arginato dal pressing asfissiante di Calhanoglu, il croato non era riuscito ad accendere la luce, nella ripresa – favorito dal calo del turco – guadagna spazio e libertà per trasformare l’Inter. Il 2-2 arriva subito dopo: a realizzarlo è Matias Vecino, bravo a battere Donnarumma sfruttando l’unico lampo dell’opaca partita di Alexis Sanchez, decisivo però nell’occasione. Il Milan accusa il colpo, non riesce a reagire ed anzi al 70′ vede completare la rimonta dei rivali: Romagnoli si perde De Vrij che su corner di Candreva colpisce di testa in maniera perfetta e fa secco Donnarumma. Pioli fa entrare Leao, Paquetà e Bonaventura ma i cambi arrivano forse troppo tardi ed è sempre il solito Ibra a far tremare la porta di Padelli, colpendo il palo da distanza ravvicinata al 90′, dopo che Eriksen – entrato da poco – aveva colpito la traversa con una straordinaria punizione dai 35 metri. Nel finale, a mettere il punto esclamativo sulla gara, ci pensa Romelu Lukaku, bravo a spingere in rete un bel cross di Moses. San Siro esplode, è delirio Inter. I nerazzurri raggiungono la Juve al comando della classifica, proprio a una settimana dalla sfida Scudetto con la Lazio, in programma all’Olimpico tra 7 giorni.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter